Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Guarnieri: "Le Primarie stanno creando inquietudine tra i partiti"

In mezzo alla gente. Legnano cambia, anche oggi, sabato 18 gennaio, ha proseguito la campagna per le Primarie in mezzo ai legnanesi. Continua così la corsa dei due candidati civici verso l'inedita chiamata alle urne. Antonio Guarnieri sui social e tra la gente; Franco Brumana tra la gente e nella nuova assemblea che, venerdì sera, ha riunito una sessantina di sostenitori al Welcome Hotel.

        Tra i presenti a questo appuntamento, lo stesso Guarnieri che, invitato a prendere la parola, dopo l' "arringa" iniziale dell'avvocato Brumana, ha evidenziato alcuni aspetti del momento attuale: "Dobbiamo assicurare massimo impegno - ha affermato il leader di Legnano cambia - perché assegna importanza a un evento importante. Comunque sia l'esito, con questa iniziativa abbiamo aperto discussioni, ci sono state reazioni, abbiamo creato inquietudine nei partiti. Vi assicuro che nei partiti le Primarie stanno creando preoccupazione, perché abbiamo alimentato un precedente che dà valore al civismo".

"L'atto poi di cercare di prevalere sull'altro, tra noi due, deve essere visto come un atto naturale e normale. Direi virtuoso perché tra noi c'è un reciproco rispetto - ha proseguito Guarnieri -  Io spero che alle urne venga un numero di elettori pari  quelli delle primarie del PD", la sua speranza. Ricordiamo che in quelle occasioni, come da noi pubblicato in un recente servizio, i votanti erano stati tra i 1.246 e i 2.330. Numeri sempre elevati, ma oggi appiano più avvicinabili, considerato che domenica 26 non verrà più chiesto l'originario contributo di 2 euro ad elettore, ma vi sarà una richiesta di offerta libera. 

Su come si sia arrivati alle Primarie, così si è espresso sempre Antonio Guarnieri: "Ci sono state sfasature temporali tra me e Franco per stare subito insieme, perché la mia carica di presidente del Comitato Legalità mi ha obbligato a cercare continuamente un percorso di unità. Quando l'idea di un'unica coalizione è crollata, mi sono ritrovato finalmente con Brumana".

(Marco Tajè)