Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.



"Legnano in Comune - Sinistra, Costituzione": Juan Pablo Turri si presenta

  • LEGNANO
  • mercoledì 12 aprile 2017
  • 3555 Letture

Juan Pablo Turri è il candidato numero sei per la corsa alla poltrona di Palazzo Malinverni. Oggi, mercoledì 12 aprile, Turri ha presentato ufficialmente la sua lista "Legnano in Comune - Sinistra Costituzione" in piazza Anacleto Tenconi.

Una scelta, quella di piazza Tenconi, per niente casuale: è la piazza dedicata al «sindaco della Liberazione», è la piazza che si affaccia sull'Olona, simbolo della rinascita ambientale, e la piazza accanto al Tribunale, «struttura dismessa che per noi sarà al centro di un progetto importante».

Due i punti cardine del programma - ancora work in progress - della lista, che si propone di rappresentare gli interessi della sinistra e di difendere i diritti costituzionali. Prima di tutto, il lavoro: «Crediamo che anche il piano comunale possa dare il suo contributo alla creazione di occupazione - ha spiegato Rosanna Pontani -, alla creazione di un lavoro "buono" e dignitoso. Partendo dai servizi direttamente gestiti dall’ente comunale passando per quelli gestiti assieme ad enti locali e regionali, bisogna partire dal blocco delle esternalizzazioni dei servizi e dai vari tentativi di vaucerizzazione dei servizi stessi, mantenendo i livelli occupazionali e rilanciando la qualità dei servizi, lavorando naturalmente con le Organizzazioni Sindacali territoriali». A partire da questa visione, sono tante le proposte che la lista ha intenzione di mettere in campo. Come un hub dedicato al coworking per i giovani nella struttura dell'ex Tribunale o la riapertura degli sportelli per gli immigrati e per le badanti. Senza dimenticare chi ha perso il lavoro, a cui dedicare una tessera per l'accesso gratuito a trasporti pubblici, musei e cinema. E ancora, una mensa popolare, o meglio «un vero e proprio ristorante» che si basi sulla tecnica del pasto sospeso, ancora una volta nel vecchio Tribunale (qui il servizio).

Dopo il lavoro, l'ambiente, cui ha "dato voce" Angelo Pisoni: più fruibilità del verde pubblico per tutti, protezione per gli alberi di pregio e intensificazione della piantumazione di essenze arboree, infrastrutture che permettano uno sviluppo ecosostenibile, una rete organica di piste ciclabili, una rinnovata attenzione al fiume Olona e un deciso stop al consumo di suolo pubblico.

(Leda Mocchetti)