Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La Chirurgia fiore all’occhiello dell’Asst Rhodense

La Chirurgia è fiore all’occhiello dell’Asst Rhodense, è stata infatti selezionata come eccellenza negli interventi di Laparoscopia Avanzata ed inserita nell’elenco dei centri di riferimento della scuola nazionale SIC, Società Italiana di Chirurgia.Nella Unità Operativa di Garbagnate Milanese, diretta dal professor Corrado D’Urbano, gli allievi della Sic di Chirurgia La paroscopia Avanzata diretta dal professor Francesco Corciane di Napoli potranno svolgere lo stage pratico. 

“Tutto ciò è un riconoscimento alquanto di buono abbiamo fatto in questi anni soprattutto nel trattamento la paroscopio dei tumori dello stomaco e del colon-retto e  ci posiziona tra le più prestigiose strutture italiane– dichiara il professor D’Urbano - Siamo orgogliosi di poter offrire al territorio un approccio terapeutico di alto livello certificato dalla Società Italiana di Chirurgia”.

      Questa investitura fa seguito all’incontro dello scorso autunno denominato “Oneday with Francesco Corcione” dove nella sede ospedaliera di Garbagnate Milanese è stato ospite proprio il dottor Corcione opinion leader internazionale per la Chirurgia La paroscopia.

“Con lui sono state  ripercorse le tappe dell’evoluzione della chirurgia la paroscopia cui è seguito un dibattito che ha permesso di condividere dubbi e certezze – continua il Primario di Chirurgia dell’Asst Rhodense -  Si è anche discusso della rivoluzione chirurgica che ha portato la laparoscopia ad essere un assoluto vantaggio per il paziente in termini di capacità di performance, di precisione di esecuzione e di sempre minore invasività”.  

Quanto detto è ulteriormente migliorato dalla tecnica 3 D quotidianamente in uso presso l’Ospedale di Garbagnate così come in altre poche sedi di eccellenza in Italia. Sempre durante la stessa giornata, in diretta streaming con alcuni ospedali italiani, sono stati presentati due casi clinici risolti in laparoscopia 3D da Francesco Corcione e Corrado D’Urbano, a cui ha fatto seguito un ampio dibattito e scambio di opinioni.

“Avere a disposizione alcuni tra i migliori specialisti sul territorio nazionale è un motivo di grande soddisfazione per noi perché significa chestiamo lavorando per offrire al paziente le più moderne cure possibili – aggiunge il Direttore Generale, Ida Ramponi – il riconoscimento di eccellenza ottenuto dall’Unità Operativa di Chirurgia 2 è la testimonianza che stiamo procedendo sulla strada giusta”.