Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Animali in vacanza, cosa bisogna sapere

L'estate è ormai alle porte e con la dott. Corinna Uboldi, medico veterinario dell'ambulatorio Collini di Castellanza, ci illustra gli accorgimenti da tenere presente se si vuole portare il proprio animale in vacanza, soprattutto al mare o all'estero. 

«Se si vuole portare il cane al mare - spiega Corinna - bisogna sottoporlo alla profilassi della leshmaniosi canina, un parassita che viene trasmesso tramite un pappataceo che si trova nelle zone marittime. La profilassi può essere fatta tramite vaccinazione prima di portare l'animale al mare, oppure tramite l'applicazione di antiparassitari ma anche di spray specifici che vanno però applicati sul pelo quotidianamente quando si è nelle zone di località marittima. Con questi piccoli accorgimenti si evita che l'animale possa andare incontro a questa patologia molto grave che può portare anche alla morte». 

Se invece si vuole portare il proprio animale in spiaggia, «innanzitutto bisogna portarlo in spiagge autorizzate. Importante poi avere sempre l'ombrellone, acqua fresca a disposizione, portare sempre con sè il libretto sanitario». Il bagno in mare è possibile farlo, ma «bisogna stare attenti dopo a pulire bene il pelo dell'animale con l'acqua dolce proprio per togliere quella salata». 

Può capitare, ovviamente, che il cane prenda un colpo di calore che, se non si interviene in maniera tempestiva, può portare anche alla morte dell'animale: «In caso di colpo di calore, bisognerebbe portarlo subito dal veterinario che interviene abbassando la temperatura corporea. Se non si ha la possibilità di portare subito l'animale dal veterinario, bisogna allora portarlo in un luogo fresco, all'ombra e con un ventilatore, oltre a fare impacchi di acqua fresca da posizionare sopratutto sull'interno coscia, sotto le ascelle, sulle zampe». 

Se si intende invece portare il proprio animale all'estero, è necessaria la vaccinazione antirabbica, non più obbligatoria in Italia: «Bisogna farla un mese prima della partenza, perchè poi l'asl veterinaria del proprio territorio dovrà rilasciare il passaporto europeo che diventa il nuovo libretto sanitario, indispensabile se si viaggia all'estero».

Per quanto riguarda invece zecche e parassiti che l'animale incontra nei parchi, «se si dovesse trovare una zecca sul corpo del cane, si può togliere tenendo qualche secondo sulla zecca cotone imbevuto d'alcool. Poi tramite una pinzetta si può andare alla base e staccare la zecca. Tenere poi disinfettato il corpo dove era applicata la zecca».

(Manuela Zoni)