Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Don Patrizio: «Malati alla ricerca di compagnia e ascolto»

Con Smart News salute visitiamo oggi, in occasione del mese mariano, la cappella dell'ospedale insieme a Don Patrizio Croci, cappellano con don Lodovico Garavaglia all'ospedale di Legnano. Da non dimenticare la vicinanza di Papa Francesco verso i malati. 

«Il nostro compito in ospedale - racconta don Patrizio - è quello di ascoltare le persone che hanno bisogno e chiedono un aiuto, ma anche confessiamo, portiamo la comunione. Attraverso l'ascolto riusciamo a comprendere bene di cosa le persone hanno bisogno: ricevere una parola buona e un aiuto concreto. Molte persone purtroppo a volte sono anche da sole, quindi hanno bisogno di un grande aiuto spirituale»

«I malati chiedono la presenza sempre di qualcuno - prosegue don Patrizio - e la presenza grande è anche quella di Gesù risorto. Poi i malati ci chiedono quello che concretamente vogliono, cioè di guarire, un aiuto che chiedono al Signore per loro e per la famiglia».

Proprio sulla famiglia si sofferma don Patrizio, perchè spesso si trova a cercare di «riavvicinarla, la parola per loro è quella di restare uniti nel momento in cui c'è la difficoltà e sopratutto la malattia e la sofferenza. Noi poi sappiamo che non saremo mai da soli perchè siamo accompagnati da nostra mamma Maria e da Gesù Risorto».

La messa in cappella viene celebrata ogni giorno alle 18. In occasione del mese mariano dedicato alla Madonna, inoltre, giovedì 24 maggio alle 15 ci sarà il rosario e a seguire si celebrerà la messa per la Giornata del malato. Ancora, mercoledì 30 maggio ci sarà un pellegrinaggio dalla parrocchia di San Paolo all'ospedale dove in cappella si reciterà il rosario conclusivo.

L'adorazione eucaristica, introdotta da poco, si tiene il primo venerdì di ogni mese dalle 17.15 alle 18, poi il secondo, terzo e quarto giovedì dalle 17.15 alle 18. 

(Manuela Zoni)