Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Palio di Legnano a Fucecchio, per tutti un esempio da imitare

Il Palio di Legnano esce a testa alta dalla tavola rotonda “Diversi nelle tradizioni, uniti nelle regole”, promossa dal Comune di Fucecchio in collaborazione con l’associazione Palio della Contrade “Città di Fucecchio” e con il patrocinio della Regione Toscana, con l’obiettivo di tutelare le manifestazioni paliesche di tutta Italia, salvaguardando l’identità di ciascuna.

Nella sede della Fondazione Montanelli Bassi, a rappresentare Legnano il cavaliere del Carroccio Mino Colombo e il gran maestro Alberto Oldrini. Entrambi appaiono soddisfatti alla fine dell'incontro, anche per le attestazioni di stima ricevute dagli esponenti degli altri palii d'Italia: "Attorno a noi - ci spiegano quasi in coro -  solo considerazione e stima per il lavoro che stiamo svolgendo. Dalla riunione la necessità di intraprendere un percorso per la condivisione di regole comuni, ma anche quella di assegnare una vera professionalità a tutte le figure coinvolte, fantini e mossieri compresi". Insomma, se non avrai una "patente" riconosciuta dai palii d'Italia, caro fantino o caro mossiere, non potrai andare al canapo o salire su un verrocchio.

Apetto non secondario, anzi unico in Italia, la collaborazionei tra mondo del palio legnanese e istituzione comunale ha destato unanime apprezzamento a Fucecchio. Tutti convinti che anche questa sia una strada da percorrere per risultati sempre migliori.

Tra i promotori dell'evento, il dr. Alessandro Centinaio, responsabile della commissione veterinaria a Fucecchio ma anche a Legnano ed ideatore della Clinica veterinaria mobile:  “La tavola rotonda - il suo commento - è stata il primo tassello di un percorso che le realtà paliesche hanno deciso di intraprendere insieme. Dobbiamo andare oltre le regole attuali e lo dobbiamo fare con le nostre gambe".

Argomento fondamentale della riunione, incoraggiare le buone pratiche per la tutela della salute e del benessere animale. Pratiche e tutele che Legnano svolge da tempo con la massima attezione e che l'hanno appunto elevato a eccellenza nel mondo delle corse a pelo.
 

(Marco Tajè)

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI