Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Palio Siena: una "cordata" contro Bartoletti?

Come ci avviciniamo a Ferragosto, sale sempre più la febbre da Palio. Il Palio dell'Assunta che, a Siena, da domenica 13, per 4 giorni, fino a martedì 16, animerà la carriera più emozionante al mondo. Come avvenuto a luglio, la collega e amica Eleonora Mainò, giornalista della rivista online Il Verrocchio e di Siena TV, ci terrà aggiornati con servizi tutti da leggere, come vere lezioni di palio. Oggi, apriamo la serie con un pezzo dedicato alla pesentazione del drappellone e alle prime previsioni dedicate a fantini e cavalli. Grazie a Eleonora e buona lettura a tutti voi.


A volerlo fare ci sarebbe la possibilità di un bel lotto di cavalli, sia esperti sia nuovi ma con potenzialità già espresse in maniera ampia altrove. Ci sarebbe la possibilità appunto, ma il condizionale sulla scelta qualitativa dei cavalli e' più che mai d'obbligo. 

Cavalli - Si arriva al Palio dell'Assunta già con due eccellenti esclusi (volontari) Osama Bin e Pathos de Ozieri. Ammessi direttamente alle batterie di selezione la mattina del 13 agosto i cavalli più esperti tranne Occole' ed Oppio, di nuovo, al momento almeno presentati, ma destinati alle prove regolamentate dell'alba del 12.
Oltre ai nomi noti, oltre ai nomi forse ormai un po' superati, oltre a quattro cinque soggetti che in un lotto medio- alto andrebbero comunque a sistemarsi nelle posizioni qualitativamente meno di rilievo del lotto, ci sono poi un paio di nomi nuovi, per nuovo si intende possibili esordienti che forse potrebbero lottarsela con i "bomboloni" come i due soggetti allenati da Scompiglio, Rexy e Rocco Ro, o forse come Tiepolo, vincitore a Fucecchio, cavallo che ha vinto e convinto e che a detta di molti potrebbe con tranquillità imporsi anche in Piazza del Campo.
Rimane comunque ancora per qualche giorno aperto il dibattito, con l'alta probabilità anche per questo Palio di veder inserire due-tre gruppi di cavalli potenzialmente equivalenti senza poter assaporare una corsa che metta a confronto i vincitori dei Palii passati.

Fantini - Sul fronte monte le ipotesi sono molteplici, qui sara' da vedere se i big sapranno fare o vorranno fare una cordata per impedire il quarto successo consecutivo di Bartoletti, ormai non sembra più possibile continuare con l'atteggiamento tenuto fino ad ora; c'è la possibilità che Scompiglio possa tentare di cogliere questo successo nella Chiocciola, portandosi definitivamente dalla sua parte un'altra grande cassaforte, quindi il gioco dei big potrebbe essere quello di presidiare i grossi monti o di scombinare le carte fino ad ora in tavola in maniera improvvisa. Pare difficile ipotizzare un altro esordio, come pare difficile pensare a un'altra corsa in cui siano fuori dal valzer delle monte sia Gingillo che Bighino, oltre al rientrante Carboni, uomo che in un Palio con nemiche importanti potrebbe tornare utile, mentre tra i fantini di luglio, qualcuno tra Dino Pes, Ricceri, Murtas, Coghe jr e Bellocchio sembra essere destinato a riaffacciarsi il prossimo anno sul tufo.

Drappellone - A cornice delle ipotesi e delle supposizioni la presentazione del cencio ad opera di Sintra Tantra, artista balinese, un drappellone raffinato  (nella foto accanto, un particolare dell'opera),  dove si fonde la contemporaneità della pittrice e del suo tempo e il richiamo elegante all'arte neoclassica di Giovanni Dupre' a cui il Palio e' dedicato, un drappellone non tradizionale ma bello da scoprire nelle macchie di colore, nel disegno sottile, nelle geometrie rigorose, in cui c'è molto bianco, come una storia ancora da immaginare e ancora da scrivere, come il Palio che sta per arrivare. 

Eleonora Mainò