Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Strade buie e ciclisti "allegri"

Buongiorno, direttore
Torno a rompere le scatole, con i ciclisti senza luci.
L'altro ieri, 6 novembre, ore 18,30
Ero fermo, a piedi, al semaforo di via della Liberazione/p.zza del Popolo. Ero uscito dalla farmacia che a quel punto è alle mie spalle, tanto per chiarire bene la posizione. Sono fermo, semaforo rosso per me, viene il verde, guardo alla mia sinistra per accertarmi che non sopraggiunga uno che da piazza del Popolo non entri in via Liberazione in maniera arzilla.
Coda di vetture ferme, attraverso, un ciclista  sorpassando la coda, mi urta, fortunatamente di striscio senza farmi cadere, svolta a destra senza fermarsi ne' guardare alla sua sinistra e allegramente se ne va.
Mi domando: quando la polizia locale incomincera' a prendere provvedimenti nei confronti di costoro (i dispositivi antiabbandono non si trovano, ma i fanalini delle bici sono disponibilissimi), se fossi caduto, come stava per succedere, il personaggio in questione avrebbe subito lo stesso trattamento di uno al volante? La domanda e la sollecitazione è rivolta sia al giornale, ma soprattutto alle autorità preposte.
Inoltre vorrei segnalare, lei lo sa benissimo che via della Liberazione è drammaticamente al buio, con  illuminazione veramente da quarto mondo.


(m.tajè) - L'amico lettore non è proprio fortunato con i ciclisti. Per fortuna, il danno fisico è stato limitato. Lasciamo eventualmente alle autorità preposte il compito di una risposta, ma sicuramente la legge è uguale per tutti, Automobilisti e ciclisti sono equiparati nei doveri quando si tratta di rispettare il codice della strada. Noi, inoltre, non possiamo assolutamente affermare che la Polizia Locale non interviene, quando deve sanzionare un ciclista.
Per le strade poco illuminate, dobbiamo continuamente ripeterci. Un piano per una nuova illuminazione era alo studio, poi, caduta la Giunta Fratus, è tornato il... buio. In ogni caso, per i dettagli del progetto, qui un rimando ad alcune considerazioni dell'ex assessore Laura Venturini
(Foto d'archivio ripresa dal web)