Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Antonio Cortese e le critiche del 4 Novembre: "Non ci sto!"

(m. tajè) - Risponde punto su punto il cav. Antonio Cortese, presidente di Associarma, alle critiche, neppure tanto velate, arrivate in redazione dopo la cerimonia del 4 novembre, in cui è stato protagonista con il collega presidente ANPI, Primo Minelli.
Oggetto del contendere, soprattutto alcune defezioni
ai vari eventi da parte di associazioni, ma anche problemi organizzativi imputati alla stessa Associarma.
Nelle risposte dettagliate del presidente Cortese si evidenzia una certa irritazione, non tanto per alcuni rilievi, recepiti anzi con animo sereno, ma per aspetti polemici apparsi fini a se stessi, anche perché inviati da chi alle manifestazioni non era presente oppure non ha voluto collaborare a una loro migliore riuscita.  


Caro direttore, a proposito della Festa delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale rispondo volentieri alle osservazioni contenute in una lettera pervenuta alla sua redazione e pubblicata, a firma di Gianni Degaudenz, vice presidente dell’Associazione Nastro Verde (qui il testo), seguita poi da una breve nota del suo presidente Gianfranco Corsini che non ha partecipato alle cerimonie (qui il testo).

Prima cosa detta  nella lettera:  “come appare evidente dalla fotografia  posta a corredo dell’articolo, è palese l’assenza di numerose bandiere delle Associazioni Combattentistiche  e d’Arma“. Ecco, se qualcuno sa fare di conto, dalla stessa foto, delle 14 Associazioni facenti parte del  nostro Sodalizio, quasi tutte  erano regolarmente schierate;

Secondo: Il Comune di Legnano è l’Istituzione di riferimento a cui è demandata l’organizzazione dell’evento dove l’Associarma è invitata a partecipare  con le altre Autorità Militari e Civili del territorio e a cui si richiede in sede di preparazione dell’evento un parere esclusivamente consultivo;

         Terzo: non posso essere che d’accordo con l’ipotesi che, fatto salvo l’intervento del Sindaco della città o chi per esso, si dia lettura del messaggio  del nostro Presidente della Repubblica  da parte di un rappresentante delle stesse Forze Armate e non dal Presidente Associarma/Assoarma locale;

Quarto: La mancata  partecipazione di Labari, Bandiere e persone al Corteo e alle altre cerimonie presso i Sacrari del Cimitero Monumentale è da imputare alle avverse condizioni atmosferiche, tenuto conto che  tutti non erano automuniti. Faccio notare che la Bandiera Associarma che rappresenta tutti le Associazioni, nonostante la pioggia, era regolarmente presente.

Quinto: In entrambi i discorsi ufficiali, a dire il vero, sono stati ampiamente illustrati i compiti  e le attività delle Forze Armate e di Polizia, in ambito Nazionale ed Internazionale;

E’ vero che qualche incertezza organizzativa per la cura dello schieramento è emersa al mattino dinanzi alla sede Associarma, ma ci si poteva avvalere della competenza in materia di persone qualificate presenti, ma  nessuno purtroppo è intervenuto.

Tengo però a confermare che il Consiglio ed il sottoscritto, quale  Presidente di tutte le Associazioni, è aperto alla ricezione e valutazione di qualunque osservazione che perviene in tempo utile, cosa che non si è verificata, volta all’ottenimento  di una migliore riuscita della cerimonie di queste e delle altre a venire.

Con viva cordialità

Antonio Cortese, Presidente Associarma