Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Contributi della Misura B2: un sistema lacunoso

Il fondo regionale di erogazione di contributi e prestazioni, tecnicamente chiamato Misura B2, è destinato a supportare minori e anziani fragili, offrendo alle loro famiglie una piena possibilità di permanenza nel proprio domicilio. Oggi, le modalità per la pesentazione della richiesta e la sua concessione tornano in discussione, come ci segnala un lettore direttamente interessato e già critico a suo tempo per precedenti situazioni definite controverse e contradditorie. Nessun addebito specifico agli uffici, viene sottolineato nella lettera, ma una "denuncia" per un sistema con lacune, sempre secondo il lettore, da colmare in fase di elaborazione del progetto.


Dopo gli esposti pubblicati l'anno scorso in cui si evidenziavano problemi e possibili soluzioni sulla misura B2 anno 2018 (clicca qui per la lettera) , sono costretto nuovamente quest'anno a sottolineare punti decisi dalla commissione del piano di zona in merito alla graduatoria pubblicata.

Mi riferisco soprattutto alla graduatoria minori car-giver.

48 persone ammesse, 24 finanziate. Di queste 24,  16 con imposta di bando a 3600 euro, 8 con finanziamento 1800 euro. ( per essere precisi una famiglia ha chiesto ed ottenuto solo 2100 euro e non 3600 euro - domanda, perchè?)

A seguito di chiarimenti con servizi sociali del Comune di Legnano e dell'incontro con responsabili del piano di zona vengono a galla elementi di valutazione delle domande che forse meritano ulteriori approfondimenti.

In breve: 

 - per presentare la domanda servono documenti che attestano la patologia del minore e il  certificato isee.

- a parità di punteggio, isee del nucleo famigliare determina la posizione.

- i punteggi dei minori vengono assegnati in base a diversi punti:

Punto 1.

- Se il minore non percepisce accompagnamento prende 0

- Se percepisce accompagnamento prende 1

Domanda: e se un minore ha una malattia degenerativa e quindi percepisce un indennità di frequenza, quindi in termini di legge una patologia più grave delle due sopracitate, perchè non viene contemplato in questi punteggi?

Punto 2.

Se in casa c'è un over 70 oppure un altro caso di disabilità prende un ulteriore punto.

Domanda: va bene se c'è presente un altro figlio con disabilità , ma cosa c'entra un over 70?

Punto 3.

Su questo punto nulla da commentare in quanto è relativo alla patologia o legge 104. Normale quindi che chi fa questo genere di domanda ha un minore con 104.

Punto 4.

Se è una famiglia normale (padre e madre regolarmente sposati) ottiene 0 punti.

Se è una famiglia  composta da un solo genitore, ottiene 1 punto.

Al tavolo con il piano di zona, ordinando i dati  in maniera anonimi della graduatoria, su 24 domande finanziate la metà sono famiglie composte da un solo genitore con un over 70 in casa o , poche, con un secondo figlio disabile, con isee talvolta tendente allo zero.

Analizzando questi dati , mi salgono dei dubbi che condivido immediatamente con il mio interlocutore.

Pur essendo una famiglia composta da un solo genitore è OBBLIGO  presentare anche in questo caso l'ISEE  dell'altro genitore. dai dati si evidenzia che ciò non è stato fatto, se non in minima parte. 

Siamo sicuri che queste famiglie mono genitori hanno anche un over 70 presente in casa?

Ritornando al tavolo costruttivo, si evidenzia quindi la necessità per la prossima domanda del 2020 di ELIMINARE IL PUNTEGGIO DERIVANTE DALLA COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMIGLIARE, DI AGGIUNGERE ANCHE IL PUNTEGGIO RELATIVO AI MINORI CHE PERCEPISCONO L'INDENNITA DI FREQUENZA, 

ELINIMARE OVER 70 DAL POSSIBILE PUNTEGGIO MANTENENDO UN SECONDO FIGLIO DISABILE 

E , CONSIGLIEREI DI METTERE IN STANBY PER ACCERTAMENTO TUTTE QUELLE DOMANDE CHE RISULTANO SOSPETTE .

Dall'analisi dei dati visionati mi permetto di avanzare quella idea sbagliata e tutta italiana che fatta la legge , trovato l'inganno.

I dati numerici fanno pensare molto a giochetti di presa in carico di over 70, monoredditi , isee pari a zero su nuclei famigliari anche numerosi che forse non corrispondono a verità. Spero tanto di sbagliare. 

Alle persone a cui compete questo tipo di lavoro il compito di ulteriori controlli.

LETTERA FIRMATA