Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Maurizio Castoldi e i meriti di chi ha preceduto l'attuale "Collegio"

Caro Direttore ho letto lo scritto del Gran Priore/Vice Gran Maestro Rino Franchi nel quale si elencano varie Sue considerazioni paliesche su fatti, persone e cose di questi recenti e trascorsi ultimi anni.

Se da una parte non voglio entrare a commentare giudizi positivi o negativi espressi da Franchi, riguardanti le persone, come vice gran maestro uscente, perché così ancora mi sento, non posso esimermi nel fare precisazioni su alcuni argomenti trattati, inerenti alle passate gestioni del Collegio, basandomi su FATTI già accaduti, e quindi INCANCELLABILI.

I rapporti umani e di collaborazione delle Amministrazioni Comunali con il Collegio, (Vi ricordo che sono state due: Giunta Sindaco Vitali e Giunta Sindaco Centinaio) non solo sono state eseguiti a TESTA ALTA, ma hanno avuto un percorso costante ottimale con anche picchi di eccellenza.

Il Collegio…… proponeva…… e trovava sempre consensi e collaborazione. Potrei dilungarmi, mi limito invece a pochi ricordi.

Giunta Sindaco Vitali: Pochi giorni dopo la nostra elezione, ci assegna il compito di seguire ed allestire al castello il locale destinato alla Mostra Permanente dei Costumi. Il Sindaco il giorno dell’inaugurazione “lascia” il discorso inaugurale ad un uomo del Collegio.

Trasmissioni televisive di Tele Lombardia riguardanti il Palio, con testi forniti dal Collegio.

Mostra costumi tramite Fondazione Ospedali presso il Nuovo Ospedale di Legnano.

Momenti sociali denominati DIVERSAMENTE PALIO. Coinvolgimento di migliaia di ragazzi delle scuole elementari con visita di delegazione delle contrade, pranzo medievale con i bambini in collaborazione con l’Oratorio delle Castellane.

Giunta Sindaco Centinaio: Progetto IDEE IN PALIO, dedicato agli studenti delle scuole superiori. Sono stati presentati e premiati al Teatro Galleria decine di lavori e proposte molto importanti per qualità contenuti ed interpretazioni.

Continua il lavoro a braccetto delle Associazioni di Volontariato con DIVERSAMENTE PALIO

Presenza del Collegio e importante contributo ai terremotati dell’Emilia. Le Contrade promuovono e raccolgono fondi e materiali di sostegno che vengono consegnati da una folta delegazione direttamente sul posto.

EXPO: Doppia presenza anche con sfilata alla mostra internazionale e presenza presso il Padiglione Italia e presidio Slow Food.

Al Castello viene allestita una mostra di costumi di oltre 500 mq. Da giugno 2015 a fine settembre ben 13000 visitatori hanno ammirato i favolosi costumi del palio e apprezzato le scene di vita medievale del 1176 ricreate. Molto apprezzata la sala dedicata alla Pace di Venezia. Visita lo Spazio Castello e la Mostra la Dott.ssa Ilaria Borletti Buitoni sottosegretaria ai Beni Culturali, che rimane entusiasta della Mostra soffermandosi con particolare attenzione in ogni sala del Castello.

Non ci facciamo mancare niente. Alla “scomparsa” del Barbero, le corse di addestramento vengono comunque eseguite sulla pista dell’Azienda Agricola Usignolo. Con un mese di duro lavoro viene rimessa a nuovo la pista e la zona adiacente grazie al lavoro di TUTTO IL MONDO DEL PALIO. Riproponendo così la usanza di passare una giornata testando i cavalli e i fantini del Palio in un clima di assoluta armonia e famigliarità.

Tutto questi eventi da me elencati sono sempre stati discussi ed approvati dai consigli direttivi e dai capitoli, alle contrade non è mai stato richiesto nessun esborso di denaro.

Per le regole del Palio, la giusta quantità ma anche la giusta osservanza!!!!!!

La famiglia Legnanese è sempre stata coinvolta!!!!!

Non mi addentro nel sistema di voto…… mi ricordo solo di una certa maggioranza relativa!!!!!!!!

Il collegio è da me considerato come la CASA DEL PALIO, rimango sempre convinto che alle parole debbano seguire i fatti, impostati non su momenti personali, ma su basi per la crescita della propria associazione.

Grazie e cordiali saluti

Maurizio Castoldi