Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Processo Legnano al via, si punta a chiudere entro Natale

Chiusura dell'istruttoria entro Natale. Così il giudice Frattini ha concluso la prima seduta del processo "Piazza Pulita" che vede imputati l'ex sindaco Fratus e gli ex amministratori Lazzarini e Cozzi. Una seduta sostanzialmente tecnica nella quale si sono presentati tutti e tre gli ex amministratori del Comune di Legnano, ancora ai domiciliari, oltre ai legali delle partecipate e del comune di Legnano che hanno depositato l'atto della costituzione di parte Civile nel processo.

E proprio sul documento presentato da Comune di Legnano per la gara relativa al direttore organizzativo, che si è appellata la difesa dell'ex primo cittadino. L'avvocato  Maira Cacucci, ad apertura di udienza, ha infatti contestato la delibera dell'ente locale. Secondo il legale di Fratus il documento, apparso sull'albo pretorio il 17 ottobre, doveva essere pubblicato 10 giorni prima del dibattimento, in quanto non sussiste una motivazione di urgenza e occorreva la produzione di due documenti separati. Pertanto ne ha chiesto l'inammissibilità.

Tali eccezioni sono state poi respinte dall'avvocato del Comune Di Matteo in quanto la figura del Commissario straordinario Cirelli assorbe tutti i poteri amministrativi di un Comune e che é l'ente a decidere l'urgenza del provvedimento. Anche Il Pm Nadia Calcaterra ha sostenuto questa tesi e ha respinto le eccezione spiegando che già da settembre erano già state avviate le procedure per la costituzione della parte civile. Sarà il giudice nella prossima udienza fissata per lunedì 28 ottobre alle 11.30 a decidere se tale richiesta sia ammissibile o meno. 

Il legale dell'ex assessore Lazzarini, ha quindi chiesto la possibilità per la sua cliente di potersi allontanare dai domiciliari per alcuni esami clinici. Il Giudice si è riservato di accettare dopo la presentazione delle cartelle cliniche. Sempre l'avvocato ha chiesto di prendere visione delle intercettazioni e dei messaggi telefonici che saranno utilizzati nel Processo in quanto non leggibili. 

A fine seduta è stato fissato il calendario del processo che prevede 9 sedute prima di Natale, durante le quali verranno ascoltati i 30 testimoni. Nella prossima seduta potrebbe essere già sollevata la contestazione di un quarto concorso "manipolato" dai tre ex amministratori per un incarico comunale, come emerso dal proseguo delle indagini.

Per quanto riguarda la misura cautelare a margine del processo i legali di Fratus, Maira Cacucci e Alessandro Bernasconi, hanno dichiarato che valuteranno la possibilità di una eventuale richiesta di revoca,  sulla base dello svolgimento dell'istruttoria dibattimentale. Bernarsconi ha anche ribadito qanto sua «paradossale avere una richiesta di patteggiamento di soli 11 mesi quando il mio cliente ha già scontato 5 mesi di pena».

Valeria Arini con la collaborazione di Gea Somazzi