Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Primo concerto al nuovo teatro di Rho: il palco è il cantiere

  • CRONACA / RHO
  • martedì 10 settembre 2019
  • 281 Letture

Tra un paio d'anni il palco ci sarà davvero. Ma la musica non aspetta. Il cantiere del nuovo teatro di Rho questa sera, martedì 10, ha ospitato il concerto del violoncellista e compositore Giovanni Sollima. Così si è festeggiata la fine della prima fase dei lavori. Un evento unico a cui hanno partecipato le maestranze delle imprese che stanno realizzando il teatro, il sindaco Pietro Romano, la presidente del Gruppo Bracco, Diana Bracco de Silva e i rappresentanti dell’amministrazione comunale.

«Per noi è stata una scelta coraggiosa, basata sulla fiducia verso il futuro e verso le prossime generazioni di rhodensi - ha affermato il primo cittadino - L’ambizione è che il nuovo teatro si affermi come punto di riferimento culturale di tutta l’area metropolitana e non solo. Fin dalla posa della prima pietra, il teatro Roberto de Silva in effetti ha suscitato l’attenzione del mondo culturale e artistico italiano, a iniziare da Andrée Ruth Shammah, presidente del Teatro Franco Parenti di Milano».

Il nuovo teatro di Rho sta sorgendo sull'area della ex Diana De Silva (13.500 mq). Il Nuovo Teatro Civico sarà intitolato all’imprenditore con la passione per l’arte Roberto de Silva. Di fronte al teatro sarà progettata una nuova piazza, luogo di ritrovo prima e dopo gli spettacoli. Il teatro è costruito a scomputo totale dei proventi relativi agli oneri di urbanizzazione e delle monetizzazioni, e vede Bracco Real Estate impegnata economicamente, tra demolizioni, progettazione e costo di costruzione, ben oltre l’importo degli oneri stessi. Il progetto, realizzato da Bracco Real Estate, è stato redatto dallo studio Arassociati con studio Banfi Pezzetta e studio Gola, l’alta sorveglianza è affidata al Professor Emilio Pizzi e all’Architetto Pietro Pizzi.

«Per me questo è un luogo di ricordi e mi fa molto felice che nel luogo dove un tempo nascevano le fragranze impareggiabili di profumi e cosmetici venduti in tutto il mondo dall’azienda di mio marito, nascerà uno spazio multifunzionale per spettacoli, concerti, congressi, cinema, mostre, in altre parole un vero tempio della cultura - ha affermato Diana Bracco - Da amante della musica poi, trovo bellissimo che il grande violoncellista Sollima abbia voluto portare la sua arte in un cantiere in mezzo a chi sta lavorando giorno dopo giorno tra gru e ponteggi»

(Chiara Lazzati)