Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Biglietto unico al via ma in stazione non lo vendono, protestano i pendolari

Il nuovo sistema tariffario per i mezzi pubblici ormai è realtà da qualche giorno, ma i dubbi tra i pendolari legnanesi rimangono. Uno su tutti: l'acquisto del biglietto unico.

Sono tanti i viaggiatori che in questi giorni hanno cercato di comprare il nuovo titolo di viaggio alla biglietteria di Legnano, ma hanno invece dovuto ripiegare sul "doppio" biglietto che fino alla scorsa settimana rappresentava l'unica soluzione possibile. Con la perdita del vantaggio tariffario e, di conseguenza, non poche lamentele fioccate sia dal vivo, sia sui social.

Al momento l'acquisto del biglietto integrato è possibile nelle biglietterie ATM e nei punti vendita dei biglietti extraurbani Movibus. Nelle biglietterie Trenord (ma non in tutte), invece, si possono trovare, oltre ai biglietti ferroviari, solo i titoli di viaggio per le nuove fasce tariffarie MI-MI3: quelle che corrispondono alla "vecchia" tariffa extraurbana dell'Azienda Trasporti Milanesi e che arrivano fino al Rhodense.

Insomma, il biglietto per la fascia che comprende Legnano, ovvero la MI7, al momento a Legnano non è acquistabile. Nonostante permetta di usare anche il treno, infatti, il nuovo sistema tariffario al momento non è ancora stato integrato nel vero senso della parola con quello di Trenord, che conserva tuttora la propria tariffazione: un tassello ancora mancante, che dovrà essere sbloccato da Regione Lombardia prima che il titolo di viaggio possa dirsi unico a tutti gli effetti.

«La riforma tariffaria è una novità positiva, che semplificherà la vita ai pendolari ed anche ai viaggiatori occasionali - è il pensiero di Raffaele Specchia, portavoce del Comitato pendolari Gallarate-Milano -. Non è però stata gestita nel migliore dei modi: l'accordo dell'ultimo momento con Trenord ha creato confusione in questa fase transitoria, soprattutto per i pendolari. Si poteva lavorare meglio per il loro benessere».

QUI LE INFORMAZIONI SU TRENORD NEL NUOVO SISTEMA INTEGRATO

(Leda Mocchetti)