Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rifiuti abbadonati a Parabiago: Legambiente denuncia l'inciviltà

Rifiuti abbandonati a Parabiago. L'inciviltà ha colpito ancora: in mezzo al verde qualcuno ha scaricato lamiere, pezzi di arredamento e cartoni. Legambiente denuncia la situazione e scrive all'assessore all'ecologia Dario Quieti e al Comune.

I due punti incriminati si trovano in via del Rialeessendo un ambito alquanto in situazione di degrado, riteniamo che necessiti un intervento urgente per non peggiorare ulteriormente l'estensione di discarica. Nell'eventualità l'area fosse di proprietà privata, chiediamo che si intervenga con un'ordinanza amministrativa di rimozione e qualora ciò non venisse rispettato si intervenga direttamente accollando i costi sostenuti alla proprietà») e in via dei Gelsi.

«Queste situazioni continue di inciviltà pensiamo siano anche difficili da prevenire, però l'azione repressiva insieme agli strumenti a disposizione dell'amministrazione comunale quali le fototrappole e l'estesa rete di videosorveglianza sul territorio, o l'invito ai cittadini di collaborare nel segnalare tramite un numero Whatsapp comunale, potrebbero riuscire a ridurre i comportamenti delinquenzali - sostengono dal circolo parabiaghese del Cigno Verde -. Legambiente è da tempo che chiede un'azione più incisiva all'assessore e al settore ecologia nel migliorare i risultati sulla raccolta differenziata dei rifiuti, introducendo la tariffa puntuale, (ed evitando che la tariffa come accaduto quest'anno aumenti a tutti anche a chi svolge dei comportamenti virtuosi di riduzione dei rifiuti) raccogliendo separatamente i pannolini e intervenendo nei contesti disordinati nella differenziazione quali: cimiteri, mercati, oratori, feste, manifestazioni sportive, scuole. Queste azioni continue riporterebbero il tema all'attenzione di tutti e anche chi fosse intenzionato a infrangere le regole si sentirebbe più sorvegliato».

(Chiara Lazzati)