Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho, primi tre anni di Romano bis: all'incontro focus su Mind e teatro

  • CRONACA / RHO
  • mercoledì 10 luglio 2019
  • 301 Letture

Il sindaco Pietro Romano e i suoi assessori hanno tirato le somme dei primi mille giorni del secondo mandato. Per farlo è stato organizzato un incontro pubblico al CentRho di piazza San Vittore. Ieri sera, martedì 9, il primo cittadino e la giunta rhodense hanno ripercorso i loro tre anni al governo della città tra obiettivi raggiunti e prospettive il futuro.

A due anni dalla scadenza del mandato, come riferiscono dall'amministrazione, sono stati realizzati o sono in fase di conclusione 102 impegni sui 167 presenti nel programma, più altri 37 che, pur non rientrando nel programma amministrativo, sono stati realizzati per il reperimento di fondi pubblici, per richieste dei cittadini o per rispondere a nuove esigenze emerse. Altri punti invece non sono ancora stati realizzati: «In alcuni casi i proprietari delle aree del progetto non si sono rivelati interessati, in altri abbiamo dovuto fare i conti con una situazione finanziaria non facile – ha spiegato Romano -. Abbiamo comunque investito, dal 2016 al 2018, 22 milioni di euro, di cui la metà recuperati tramite bandi e finanziamenti esterni. Il debito è sceso di 50 milioni di euro tra 2010 e 2018 e abbiamo recuperato 6.4 milioni di euro grazie alla lotta all’evasione».

Due le questioni in primo piano esposte direttamente dal sindaco Romano ai presenti: MIND e il nuovo teatro Roberto de Silva: «MIND dà un po’ la stessa sensazione di Expo: fino a pochi mesi prima dell’apertura non si sapeva esattamente cosa sarebbe stato e poi si è rivelato con tutte le sue potenzialità – ha detto il sindaco Romano -. Anche in questo caso non c’è ancora tra la gente la percezione esatta di quello che sarà ospitato nell’area ex Expo, ma è certo che cambierà il volto di tutto il territorio. A settembre sarà finalmente approvato il progetto urbanistico: stiamo parlando di un’operazione con un investimento di un miliardo e mezzo di euro». Per quanto riguarda il nuovo teatro, invece «il cantiere sta procedendo secondo i tempi previsti, proprio ieri abbiamo fatto una visita con la giunta: stiamo parlando di un progetto di oltre 10 milioni di euro, realizzato grazie alla collaborazione di un privato, Bracco Real Estate, che ha creduto nel progetto e lo ha finanziato».

Ogni assessore ha poi illustrato i principali progetti su cui è impegnato, soffermandosi sui più importanti e indicando quali saranno gli impegni del futuro.