Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Asilo Soldini in mano ai privati, intervengono i sindacati

Sulla esternalizzazione dell'asilo nido Soldini di Castellanza con il trasferimento del personale educativo comunale a un soggetto gestore privato, intervengono i lavoratori che attraverso una nota stampa firmata da Rsu Fp Cgil Varese e Cicl Fp dei Laghi RSU, esprimono «totale contrarietà a questa scelta che, oltre a indebolire il ruolo del Pubblico nei servizi educativi e alla persona, mette a rischio il posto di lavoro pubblico delle Educatrici comunali»

  I lavoratori invitano l’amministrazione comunale, «a individuare altre soluzioni che da un lato mantengano sotto il pieno controllo pubblico il servizio asilo nido e dall’altro non prevedano nessun trasferimento di personale comunale all’esterno dell’Ente» e auspicano che nell’incontro previsto per giovedì 18 aprile «l’amministrazione comunale riconsideri le proprie valutazioni e almeno consenta al personale educativo di essere ricollocato all’interno degli uffici comunali, tenuto conto delle carenze di personale già esistenti e di quelle che si verranno a creare a seguito dei pensionamenti previsti nel corso dell’anno ed in quello successivo».

«In caso di mancata disponibilità ad accogliere quanto richiesto, - concludono i sindacati - daremo quindi mandato alle RSU e alle OO.SS. territoriali di Categoria di proclamare lo stato di agitazione di tutti le Lavoratrici e i Lavoratori del Comune di Castellanza, invitandole ad attivare ogni iniziativa utile a contrastare, in tutte le sedi, la decisione della Giunta Comunale di cedere il nido e il Personale Educativo comunale al privato».

(Valeria Arini)