Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pietro Cozzi nuovo presidente della Fondazione Famiglia Legnanese

Pietro Cozzi, al centro, con Gianfranco Bononi, a destra, e Alberto Lazzarini


É Pietro Cozzi il nuovo presidente della Fondazione Famiglia Legnanese. Cozzi, classe 1935, imprenditore nel ramo automobilistico di famiglia storicamente impegnata in questo settore, raccoglie così l'eredità di Mauro Mezzanzanica, venuto a mancare lunedì 4 febbraio.

Il neopresidente della Fondazione, che assume anche la presidenza dell'Immobiliare Famiglia Legnanese, è il fondatore della concessionaria Fratelli Cozzi di viale Toselli e quindi del Museo Fratelli Cozzi, ormai diventato un'eccellenza nazionale. Dal 1971 al 1979 è stato presidente della Famiglia Legnanese. A Cozzi si deve il trasferimento della sede da corso Sempione a Villa Jucker proprio alla fine degli anni Settanta, quando fu tra i protagonisti della rinascita dell''A.C. Legnano con un gruppo di consiglieri e soci della stessa "Famiglia", guidati dal comm. Giovanni Mari.

 Nel consiglio della Fondazione Famiglia Legnanese, inoltre, fa il suo ingresso, quale consigliere designato dal Banco BPM, Marco Mario Rotondi, che va così ad aggiungersi al sindaco Gianbattista Fratus, a monsignor Angelo Cairati, al presidente della Famiglia Legnanese Gianfranco Bononi, a Giuseppe Colombo e a Mario Landini. Segretario della Fondazione è Giorgio Brusatori, mentre revisori dei conti sono Alberto Lazzarini (presidente), Enrico Ceriani e Luigi Doppietti.

Del consiglio dell'Immobiliare Famiglia Legnanese, invece, entra a far parte il Ragiù della Famiglia Legnanese Giuseppe Colombo, che va così ad affiancare Gianfranco Bigatti, Gianfranco Bononi, Alberto Fossati, Giovanni Maria Fogagnolo, Piero Re Fraschini. Revisori dei conti sono invece Alberto Lazzarini (presidente), Enrico Ceriani, Luigi Munaretto, Luigi Doppietti e Gian Mario Marnati.