Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Da Cascina Merlata a MIND, insieme per costruire la Pero del futuro

Ambiente, mobilità, sostenibilità e trasformazioni sovralocali. Questi i temi al centro del dibattito organizzato presso il Centro Greppi Pero, giovedì 31 gennaio, in occasione del terzo focus organizzato all’interno del percorso partecipato di Agenda Urbana. Un percorso condiviso importante perché rivolto proprio all'ascolto delle idee e delle proposte.  In altre parole, un cammino dal basso per la pianificazione di un paese migliore: la Pero del domani da lasciare alle future generazioni.

Alla serata erano presenti gli architetti Angelo Armentano e Irene Vegetti del Centro Studi PIM e per l’Amministrazione comunale i tecnici del Servizio Sviluppo del territorio nonché il Sindaco Maria Rosa Belotti e l'Assessore alle Politiche del Territorio Vanni Mirandola.

«Anche la semplice idea o la semplice criticità sollevata per noi è importante», ha commentato l'architetto Armentano. Sul sito http://agendaurbanapero.altervista.org/  è possibile proporre contributi aderendo così ad un processo che si concluderà con la stesura di un documento finale.  Il tutto guardando al territorio con uno sguardo ampio.  Nel dettaglio, tra le altre cose, si è posto l’accento sulle grandi trasformazioni che ruotano attorno a Pero, da MIND (ex Expo) a Cascina Merlata. Nello specifico per il progetto MIND, di grandissima rilevanza, è in corso la valutazione ambientale strategica, mentre è stata già prodotta un'analisi sugli effetti viabilistici.

Si parla a completamento della realizzazione degli insediamenti già programmati e in programmazione indicativamente tra il 2021-2025 di una popolazione che insisterà e accederà all'area in questione di circa 64mila persone giornaliere.

Ci saranno degli effetti importanti, non solo dal punto di vista insediativo, con poli ospedalieri, un centro di ricerca e altro ancora. «Bisogna guardare al territorio, alla rete ciclabile e come può Pero relazionarsi all'esterno», ha continuato l'architetto. L'obiettivo è di raccogliere tutte le idee per migliorare Pero. Una centro che, inevitabilmente, ha rapporti diretti con Milano e con l'area ex Expo e che si trova quindi nel pieno dell’area metropolitana.

Non sono mancate le segnalazioni. Dalle criticità di via Copernico, comparto nel quale i residenti evidenziano difficoltà. All'inquinamento prodotto dalla rete autostradale che circonda Pero. «Questi incontri sono per noi momenti fondamentali perchè si ascoltano i cittadini - ha aggiunto l'architetto Armentano - il progetto si concluderà con la stesura dell'agenda vera e propria che sintetizzerà tutti i temi emersi negli incontri. Oggi è stato un incontro molto utile, anche perchè abbiamo parlato di grandi trasformazioni a cominciare da Cascina Merlata e Mind». Numerosi e attenti i cittadini intervenuti al Greppi che hanno partecipato e contributo attivamente alla discussione.

Da parte di tutti è emersa la volontà di contribuire per il bene di Pero. «Incontri che servono anche a noi amministratori per capire e avere una visione ampia delle opportunità che un comune come Pero può offrire ai cittadini, - hanno concluso il Sindaco Belotti e l’Assessore Mirandola - senza dimenticare quello che accade attorno a noi e che inevitabilmente avrà delle ripercussioni importanti». Prossimo appuntamento martedì 12 febbraio dalle 18 alle 20, a Punto Cerchiate via Matteotti 51il focus sui temi quelli dell’abitare e dei servizi.