Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Mercato di Legnano, meno bancarelle e più qualità

Meno bancarelle per aumentare la qualità del mercato di Legnano. La Giunta di Legnano ha approvato una delibera che introduce alcune modifiche nell’organizzazione del mercato settimanale. Tra i punti principali della delibera, la diminuzione del numero dei posteggi, che passano da 169 a 147 (36 riservati al settore alimentare, di cui otto a frutta e verdura). 

L'obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di elevare la qualità e preservare la diversificazione delle categorie merceologiche: «Lo scopo di queste correzioni – fa presente l’assessore al Commercio, Maira Cacucci – è rendere più razionale la dislocazione degli stalli. Si intende, inoltre, evitare una presenza eccessiva di operatori dello stesso settore, surplus che impoverisce l’offerta complessiva. Ovviamente le novità sono state messe a punto tenendo conto delle richieste emerse in diversi incontri tra Amministrazione comunale, associazioni di categoria e commercianti». 

Una rivoluzione già accennata lo scorso luglio quando la Polizia Locale aveva emesso dodici sospensioni temporanee per omesso o insufficiente pagamento Tosap.

Secondo il piano di restyling, gli stalli saranno disposti sulla base di una nuova planimetria. In caso di assenza del concessionario, l’assegnazione temporanea avverrà in base ad una graduatoria redatta dagli uffici comunali, compatibilmente con le caratteristiche degli spazi disponibili e dei criteri merceologici.

La vendita di merce usata sarà riservata solo a due concessionari, dietro richiesta esplicita e, anche in questo caso, secondo una graduatoria: «La nuova disciplina – conclude l’assessore – renderà il mercato più bello e attrattivo. Un passo importante verso il suo rilancio».