Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Iniziano i lavori per la rete di ciclabili da Rescaldina a Parabiago

Al via i lavori per collegare le piste ciclabili di Cerro Maggiore, Parabiago e Rescaldina. Lo scopo è quello di creare una rete per i percorsi per le due ruote e una via che colleghi le stazioni ferroviarie di Rescaldina e Parabiago. Per finanziare questo progetto, che permetterà di raggiungere Milano partendo da Rescalda e attraversando il territorio dei tre comuni, nel 2016 le amministrazioni comunali avevano partecipato al bando regionale finalizzato ad individuare le proposte per la mobilità ciclistica da cofinanziare con le risorse del Programma Operativo Regionale 2014/2020 del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.

E proprio grazie a quel bando il Pirellone aveva concesso per l'interconnesione delle tre piste ciclabili "nostrane" afferenti alla rete regionale un contributo a fondo perso di 1.327.425 euro, ovvero il 63.19% dell'importo complessivo necessario per la realizzazione dell'opera pari a 2.100.557 euro.

PARABIAGO - Parabiago è il Comune capofila del progetto. Proprio oggi, lunedì 23, partono i lavori per le nuove piste ciclabili. Cantieri aperti, dunque, in via Felice Gaio, davanti alle scuole, in modo da terminare l'intervento prima dell'inizio delle lezioni di settembre. «L'estate è un periodo adatto per questo tipo di interventi - commenta l'assessore ai lavori pubblici Dario Quieti - perchè la città è meno popolata e le scuole sono chiuse. Qualche disagio lo mettiamo in conto comunque, ma a fronte di un salto di qualità notevole in tema ambientale, sicurezza stradale per chi usa la bicicletta e di mobilità sostenibile». Interessate dai lavori, poi, anchele vie Gaio e Manzoni.

«Si tratta di un progetto in cui crediamo molto e nel quale, in questi due anni, abbiamo investito energie con l'obiettivo di recuperare le risorse necessarie alla sua realizzazione - afferma il sindaco Raffaele Cucchi -. Dopo aver progettato e programmato gli interventi, siamo arrivati alla fase di realizzazione che vedrà trasformare alcune vie strategiche in servizio di collegamento ciclabile favorendo gli spostamenti interni alla città, ma soprattuto di collegamento con i comuni di Cerro Maggiore e Rescaldina. Un progetto che, insieme ad altri già realizzati o in fase di completamento, renderà Parabiago al pari delle città europee».

CERRO MAGGIORE - Cerro Maggiore, con la sua rete ciclabile, farà da collegamento tra Parabiago e Rescaldina. La nuova pista ciclabile sorgerà in via Marelli, dopo il sottopasso, e si allaccerà ai tratti che si andranno a creare a Rescaldina per collegarsi poi ai percosi ciclabili esistenti in via San Clemente e Colombo. Per fine settembre, come fanno sapere dall'amministrazione, verrà indetto il bando di gara per i lavori, che dovranno essere cantierizzati per fine ottobre e terminati per fine anno. «Quello della ciclabile è un progetto interessante - commenta l'assessore alle opere pubbliche e ambiente Antonio Foderaro - perché permette la mobilità ecosotenibile. In questo periodo stiamo rivedendo anche il piano urbano del traffico di Cerro Maggiore e stiamo valutando la creazione di nuove piste ciclabili».

RESCALDINA - Nel paese guidato da Michele Cattaneo le prime arterie ad essere interessate dai lavori per l'interconnessione della rete ciclabile saranno via Silvio Pellico, via Gramsci, via Libertà, via Roma, via per Cerro Maggiore.

Il cantiere, poi, mano a mano che i lavori progrediranno coinvolgerà via Vittorio Veneto, via Mazzini, via Giusti, via Montale, via D'Azeglio, via De Gasperi, via Fermi, via La Malga e via Clerici.

«Il progetto - sottolinea l'assessore ai lavori pubblici e vicesindaco Daniel Schiesaro - è arrivato primo nella graduatoria dei progetti finanziati, ottenendo così dalla Regione il giusto riconoscimento di una progettualità ben fatta e soprattutto indispensabile per una zona, l'Alto Milanese, che non può essere considerata una periferia dimenticata di Milano, ma un territorio da tutelare e valorizzare. Il progetto ci permetterà di realizzare uno degli obiettivi più difficili del programma elettorale di Vivere Rescaldina, quello dell'estensione delle nostre piste ciclabili, creando una vera e propria rete per le due ruote, facendoci finalmente dimenticare i poco fruibili "pezzetti" di piste ciclabili esistenti. L’intervento si inserisce in un lungo elenco di interventi, voluti e programmati dall’amministrazione comunale guidata da Vivere Rescaldina, per favorire la mobilità dolce a tutela di pedoni e ciclisti e migliorare quindi la qualità della vita urbana. I lavori inizieranno in questi giorni e si concluderanno, insieme a quelli ulteriori previsti nel progetto "Integration Machine", presumibilmente entro la prossima estate. Qualche intervento prevede anche la modifica di alcune parti di viabilità interna al paese - conclude Schiesaro - e potrà comportare qualche iniziale disagio, ma sono sicuro che i cittadini comprenderanno perfettamente la necessità di cambiare per poter consegnare ai nostri figli un paese più a misura d’uomo, e soprattutto di bambino, e non di macchina».

Leda Mocchetti e Chiara Lazzati