Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sicurezza Provaccia e Palio, l'alcol è out

L'alcol è "bannato" da Provaccia e Palio: con un'ordinanza a firma del sindaco Gianbattista Fratus sono state regolamentate la vendita d'asporto e la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche proprio per «assicurare la tranquillità» della città in questi due giorni di festa paliesca.  

Ad essere interessati saranno «i titolari di attività di somministrazione, di commercio su area pubblica con somministrazione autorizzate con apposita concessione, i titolari di attività artigianali, i titolari di attività commerciali di generi alimentari». In occasione della Provaccia (venerdì 25 maggio) il divieto entrerà in vigore nell’area compresa tra le vie Rossini, Firenze, Gaeta e San Bernardino. Il giorno del Palio (domenica 27 maggio), invece, l'ordinanza verrà estesa anche tra corso Sempione, via Pontida, via della Vittoria, via Carlo Cattaneo, via Montecassino, via Firenze, via San Bernardino, via Solferino, via Beccaria, via Bissolati e via Milano. Sempre domenica, il provvedimento coinvolgerà anche l’area compresa tra le vie Rossini, Firenze, Gaeta e San Bernardino. 

Nello specifico è vietata la vendita «per asporto e la somministrazione di bevande alcoliche superiori al 21% del volume (cd. superalcolici) - si legge nel documento -. Non sarà concessa la vendita per asporto delle bevande alcoliche inferiori al 21% del volume in recipienti in vetro e lattine. Per gli esercizi abilitati alla somministrazione l’obbligo di somministrazione delle bevande unicamente in bicchieri di plastica». 

La Polizia Locale e le Forze di Polizia vigileranno per assicurare il rispetto del divieto, oltre a vegliare sulla sicurezza e sulla salute delle centinaia di persone che daranno vita al Palio 2018.

In questi giorni pre-Palio, la Polizia di Stato di Legnano, guidata dal vice questore aggiunto Umberto D'Auria, sta lavorando per garantire l'ordine pubblico «in sinergia con gli organi competenti».

In prima linea con i poliziotti scenderanno i carabinieri della Compagnia di Legnano con il battaglione del Reggimento del Comando Provinciale di Milano. Al loro fianco anche la Guardia di Finanza e i Vigili del Fuoco di Legnano con Tommaso Di Lena, responsabile del coordinamento Nord Ovest dei Vigili del Fuoco di Milano. Ruolo altrettanto importante quello della Polizia Locale, che impegnerà almeno una cinquantina di agenti sia in divisa che in borghese. In supporto anche la Protezione Civile di Legnano, che metterà a disposizione sessanta volontari. La Croce Rossa di Legnano, invece, sarà presente con 60 soccorritori per il servizio sanitario e 20 per i servizi sociali.

Anche le contrade daranno una mano, mettendo a disposizione 4 steward a testa. Dal canto suo l'amministrazione impegnerà 10 dipendenti, che saranno sotto la guida del responsabile dell'Ufficio Palio nonchè cavaliere del Carroccio Mino Colombo. L'intero Campo del Palio sarà inoltre tenuto sotto controllo da 70 uomini della security. 

(Gea Somazzi)