Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pedone sicuro: "strisce intelligenti" in via Novara e per Canegrate

Pali arancioni, cartelli segnaletici, led e pannelli solari: sono questi gli "ingredienti" del sistema sperimentale PedoneSicuro installato in questi mesi in via Novara e in via per Canegrate. Legnano è la prima città lombarda a testare questo progetto innovativo individuato dalla partecipata del comune EuroPA per migliorare la sicurezza pedonale in città. 

La novità è emersa oggi, mercoledì 21 marzo, tracciando il bilancio degli interventi effettuati dalla società multiservizi guidata da Luca Monolo.

A realizzare in città questi due attraversamenti è stata la società Blind Office di Valenza, per un costo di 6,9mila euro ad impianto, pari ad una spesa complessiva di 21mila euro. Il sistema è composto da due segnali luminosi gestiti da una fotocellula montata a 60 centimetri da terra così, in modo da far lampeggiare il semaforo all'arrivo di un pedone. Di notte, l’effetto è assicurato: un pannello a led e un doppio semaforo con luce arancione lampeggiano, invitando gli automobilisti a rallentare, per merito del sensore. I passaggi hanno anche la possibilità di avere presegnalatori 50/60 metri prima dell'attraversamento, per segnalare la presenza di una persona appiedata.

«Si tratta di un sistema autonomo che si alimenta con energia solare, a differenza del prototipo Salva Pedone - spiega Monolo insieme al direttore generale di EuroPa Mirco Di Matteo -. Quindi risulta più semplice installarlo. Dopo un periodo di verifica, decideremo se installare questo attraversamento in altri punti critici della città. Nel frattempo, ci auguriamo non avvengano altri atti valdalici: la notte stessa dell'installazione abbiamo registrato il danneggiamento delle fotocellule. Insomma, sono azioni che poi ricadono sull'intera comunità».

Nella sperimentazione, accanto a queste "strisce intelligenti", come ricorda Di Matteo, ecco il SafetyCross «realizzato dalla Segnaletica Novarese di Varese (per una spesa di circa 2.700 euro ad impianto): un sistema recentemente installato per salvaguardare le strisce in prossimità del sottopasso di Piazza Monumento e presente anche in via Dante all'angolo con corso Sempione, in via Gorizia e su corso Sempione all'angolo con via Calini. É in fase di completamento anche l'installazione in corso Garibaldi».

(Gea Somazzi)