Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sicurezza pedonale: Legnano è all'avanguardia

Strisce "zebrate" sempre più "intelligenti", con led segnaletici e sensori alimentati attraverso l'energia solare. Legnano, dopo il "Salva Pedone" nato dal Bilancio Partecipativo, prosegue nella sperimentazione di sistemi innovativi per tutelare pedoni e ciclisti. E lo fa con l'aiuto di Euro.PA Service, la partecipata del Comune che ha sondato il mercato per cercare aziende e partner affidabili. In città, infatti, sono tre i moderni sistemi presi in carico, con un investimento totale pari a 117mila euro: il SalvaPedone (80mila euro), il PedoneSicuro (21mila euro) e il SafetyCross (16mila euro). 

Un bilancio positivo per la società multiservizi a totale capitale pubblico guidata da Luca Monolo, che proprio oggi, mercoledì 21 marzo, ha deciso di fare il punto della situazione con l'assessore alla Sicurezza Maira Cacucci e il comandante della Polizia Locale Daniele Ruggeri. Presenti a Palazzo Malinverni anche Mirco Di Matteo, direttore generale di EuroPA, e Giorgio Librasi, figlio dell'ideatore del brevetto Pedone Sicuro, ossia il nuovo sistema collocato in città. A dimostrarlo la presenza, durante la conferenza stampa, dei due consiglieri comunali Daniele Berti e Federico Amadei, che hanno mostrato curiosità in merito al funzionamento dell'impianto attualmente presente in via Novara e in via Per Canegrate.

«Abbiamo dato seguito ai desideri della nuova amministrazione comunale - spiega Luca Monolo, presidente di Euro.PA Service S.r.l.- che, in sintesi, erano quelli di trovare soluzioni per la sicurezza stradale diversificando le proposte, le tecnologie, i partner, al fine di individuare quale, tra i sistemi esistenti, effettivamente soddisfasse la cittadinanza». 

Già, la cittadinanza: perché tutto parte dal bilancio partecipativo voluto dalla Giunta guidata da Alberto Centinaio, che aveva premiato, tra gli altri, il SalvaPedone per la sicurezza pedonale, realizzato dalla società Smart-Street di Legnano. Sistema quest'ultimo installato in sette differenti zone della città (via Matteotti, Via XX Settembre, Via Milano, Via Sempione, Via Guerciotti, Via Battisti, Via per Canegrate) per circa 11,4mila euro ciascuno (totale 80mila euro).

«È vero che l’attuale amministrazione ha deciso di non dare corso al bilancio partecipativo così com’era stato ideato e strutturato dai predecessori - sottolinea Maira Cacucci, assessore alla Sicurezza del Comune di Legnano -, ma è altrettanto vero che è, e sarà sempre, nostra intenzione ascoltare le istanze dei cittadini, soprattutto in riferimento a quelle esigenze, come la sicurezza stradale, alle quali tutti siamo sensibili e per cui è indispensabile il nostro intervento».

In questo contesto, come ricorda Mirco Di Matteo, si inseriscono i tre appalti effettuati con gli stanziamenti del bilancio comunale in area di sicurezza pedonale. Il primo ha riguardato il rifacimento della segnaletica orizzontale in via Massimo D’Azeglio (per un valore di circa 7.800 euro) e la ricostruzione dello spartitraffico di via Ciro Menotti (per un valore di 3.900 euro). Il secondo, l’installazione di nuovi dispositivi luminosi per 4mila euro. L'ultimo, invece, con un preventivo di circa 22mila euro, vedrà la realizzazione di nuovi dossi in gomma sulle strade cittadine. «Sicurezza pedonale non è solo realizzare un attraversamento pedonale illuminato, ma riguarda la viabilità a 360 gradi - afferma Mirco Di Matteo -: per questo vanno contemplati anche interventi viabilistici. Non intendiamo limitarci, ma continuare a innovarci per migliorare il servizio»

(Gea Somazzi)