Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Area Bernocchi e Mottana, il "cuore" della riqualificazione è l'Olona

 «La riqualificazione ambientale e fluviale dell'Olona è il punto centrale della rigenerazione dell'ex Bernocchi». A precisarlo l'assessore all'Urbanistica Gianluca Alpoggio a seguito della commissione consigliare svoltasi lunedì 4 marzo durante la quale sono state presentate alcune tavole indicative inerenti al progetto di risanamento del fiume Olona.

Opera, da due milioni di euro, che in questo momento è sotto analisi sul tavolo della conferenza di servizi convocata lo scorso febbraio. Una fase che, obiezioni permettendo, potrebbe concludersi entro l'estate. 

Il "cuore" dell'importante intervento che rivoluzionerà gli 80mila metri quadri riguarda i 23mila i metri quadri di verde che costeggeranno il corso d'acqua. 

«E per far ciò - spiega Alpoggio -, dovrà essere firmato un Protocollo d'Intesa, tra il Comune e le proprietà interessate, ossia i soggetti attuatori che prima di tutto dovranno impegnarsi a realizzare le opere di sistemazione del fiume le cui sponde, se non ci saranno cambi di percorso, saranno inclinate e sagomate con massi ciclopici».

Il degrado ben presto lascerà posto prima a una passeggiata ciclopedonale lungo l'Olona, poi ad attività commerciali ed aree residenziali. «Questo complesso progetto è ancora in una fase embrionale - commenta Alpoggio - e avrei preferito presentarlo in commissione consigliare al termine della conferenza dei servizi. Ovvero quando la riqualificazione sarà maggiormente delineata e vicina a una concretizzazione».

Nel contempo gli Amici dell'Olona sono intervenuti sulla questione affermando di «apprezzare i buoni propositi» manifestati dall’assessore Alpoggio,  ma  di non comprendere «la riservatezza in merito alla proposta presentata dai proprietari delle aree, che verrà resa pubblica dopo la conferenza dei servizi. Si privilegia così l’aspetto burocratico mentre la questione è prima di tutto politica, nel senso più nobile del termine,e merita di essere partecipata dai cittadini». 

«Noi - affermano gli Amici dell'Olona -riteniamo indispensabile che si dia spazio al verde con un parco lungo il corso del fiume dotato di percorso pedonale e ciclabile ,che attraversi tutta la città dal Castello a Castellanza , e che si realizzi un’altra vasta zona destinata a parco tra il Sempione e il corso Garibaldi , unita da una passerella ciclopedonale. La palazzina Bernocchi , che costituisce un gioiello dell’architettura eclettica  nelle immediatezze del fiume ,deve essere salvata dal degrado in corso e deve diventare pubblica per essere restaurata e valorizzata. Il fiume non dovrà essere ne’ raddrizzato ne canalizzato, come e’ avvenuto nell’area Cantoni , ma il suo alveo dovrà essere ampliato sia  per ragioni di sicurezza idraulica sia perché dovrà essere usufruito  come il fiume dei Legnanesi e come  un elemento essenziale del paesaggio cittadino».

(Gea Somazzi)