Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Torna il calcio, insieme ai corvi e ai divieti di sosta

     Con largo anticipo rispetto agli anni scorsi, quando il terreno di gioco dello stadio tornava agibile solo a metà settembre dopo i lavori per il suo ripristino a causa dei disagi causati dal Palio, il calcio torna al "Mari".

Questa sera, domenica 18 agosto, alle 20.30, andrà in scena il derby di Coppa Italia tra i lilla e i neroverdi castellanzesi. Un incontro atteso per il debutto di entrambe le squadre in una stagione di serie D. Legnano (rafforzato ulteriormente con l'ingaggio dell'attaccante Pavesi) e Castellanzese si preannunciano battaglieri e pronti a fare bella figura.

L'attesa è guastata dalla notizia di un campo da gioco, perfetto e soffice come mai calpestato nella zona esterna completamente rifatta dopo il Palio, ma rovinato al centro per la presenza di coleotteri e corvi che hanno mangiato l'erba in vari punti. 

In mattinata, il dg Aldo Capocci con il team manager Mario Tajè e il dirigente Giorgio Bragè ha visionato a lungo il campo e adottato provvedimenti perchè la partita possa svolgersi regolarmente. E' stato così deciso nel pomeriggio un intervento dei tecnici per ovviare al problema, sistemando le zolle rovinate.

Ai tifosi che questa sera andranno allo stadio ricordiamo la presenza di divieti di sosta in diverse strade limitrofe allo stadio. Infatti, dalle 18 alle 22.30 «per motivi di ordine pubblico», come si legge nell'ordinanza pubblicata sul sito del Comune di Legnano, non si potrà parcheggiare l'auto soprattutto per «prevenire disordini e  consentire il regolare deflusso dei tifosi ospiti e dei mezzi in uso alle forze dell’ordine».
Nello specifico non si potrà posteggiare in via Palermo, via Puccini, via Piacenza; via Ferrara, via Bellini; via XX Settembre, nel tratto compreso tra via Rossini e via S.Bernardino

(Sergio La Torre)