Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Drago e Barretta protagonisti al 2° Trofeo Internazionale di judo Lombardia.

Medaglia d'argento e di bronzo per l'ORIZON di Busto Garolfo e Polisportiva judo Villa Cortese. A salire sul podio in occasione della prova nazionale di judo Master, svolta durante il prestigioso Trofeo Internazionale di judo Lombardia,  gli atleti Vincenzo Barretta e Luigi Drago. L'evento sportivo è stato organizzato sabato 2 febbraio nell'immenso Palafacchetti di Treviglio

Barretta, che normalmente milita nella categoria fino a kg.60 , per questione organizzative è stato accorpato con atleti di una categoria di peso superiore. Barretta ha condotto un ottima gara vincendo tutti i suoi incontri per ippon, perdendo solo la finale dove ha dovuto arrendersi di fronte ad un atleta decisamente molto più pesante fisicamente. 

Drago cat. M5 kg.66 era l'unico atleta in categoria graduato cintura marrone , tutti gli altri contendenti erano cinture nere 2° e 3° dan. Ha condotto una gara spettacolare vincendo diversi incontri, guadagnandosi un buon terzo posto sul podio, la rappresentativa Lombardia composta da ben 50 atleti si classifica prima mettendosi alle spalle Toscana e Piemonte rispettivamente seconda e terza sul podio. Barretta e Drago hanno contributo a questa vittoria come rappresentativa regionale. 

«Una medaglia d'argento e una di bronzo in una competizione di questa portata sono sicuramente un ottimo risultato - commenta il Maestro Mario Sina che li segue nella preparazione gli atleti -, ma molto di più per lo spirito con cui hanno affrontato la gara, Vincenzo Barretta è una sicurezza, è un atleta che ha vinto molto e anche se non era al massimo delle sue potenzialità ha dimostrato ancora una volta che è tra i migliori judoka della sua categoria. Luigi Drago è una rivelazione continua, è un uomo che lavora molto , sempre molto disponibile con i compagni di palestra. Sta diventando un vero esempio di tenacia e determinazione anche per i più giovani».

L.C.