Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Sui risultati di Amga, il PD non ha meriti"

Dopo Luciano Guidi (qui il comunicato), ecco Stefano Quaglia e Tiziana Colombo. Un attacco a 360° da parte delle forze di minoranza al partito che guida il Governo cittadino, dopo la critica dei democratici alle opposizioni per aver perso la voce (qui il servizio). Anche "Per Legnano" non va per il sottile. Dure le critiche sia per i retroscena che hanno portato il dr. Nicola Giuliano alla nomina di presidente Amga, sia per i problemi interni al PD dove, scrivono i due consiglieri "non riescono ad ingoiare un’opposizione che si è ulteriormente vitalizzata dopo il nostro arrivo" e dove, ecco la notizia politica del giorno, esisterebbe una parte di iscritti che li vorrebbe di nuovo dalla loro parte. Di seguito il comunicato


Ecco un altro comunicato firmato ”PD”. Anonimo, senza firma, forse scritto dal solito ghostwriter professionista. Ma un merito sicuramente lo ha: dà l’idea della politica come la intende il partito di maggioranza. Quando tutto è tranquillo, arrivano provocazioni a raffica fuori tempo e fuori luogo, forse con la vaga speranza di guadagnare a proprio favore i voti dei 2 consiglieri del Movimento 5 Stelle. Paura di andare a casa?

Visto che questa “sparata nel mucchio” colpisce anche noi di “Per Legnano”, che dal PD siamo passati all’opposizione, non ci sottraiamo a far sentire forte e chiara la nostra voce. Intanto è doverosa una premessa , cioè raccontare una volta per tutte la storia della nomina del dott. Nicola Giuliano alla presidenza dell’AMGA. Perché lor signori del PD ora si beano dei risultati della gestione di AMGA, ma non ricordano che il PD voleva imporre un altro nome alla carica di presidente.

Ma procediamo con ordine.

Dopo aver ricevuto le dimissioni della presidente dott.ssa Chiara Lazzarini, nel 2012 il Sindaco chiese all’allora segretario cittadino del PD di proporre un nome per la successione. Non c’è da stupirsi, tutte le nomine sono decise dai partiti che compongono la coalizione di governo. Il Sindaco e suoi fedelissimi avevano già un nome che ovviamente il PD sosteneva, ma quella volta le cose non andarono per il verso desiderato. Infatti 4 consiglieri comunali del PD, all’epoca poco inclini a subire i diktat, si opposero al solito giochino, e con l’appoggio dell’allora segretario Salvatore Forte ottennero la nomina di Nicola Giuliano. Chi erano questi 4? Rotondi, Tripodi, Quaglia e Colombo Tiziana. La nomina scaturì dal fatto che il dott. Giuliano, oltre ad aver contribuito a scrivere il programma elettorale per l’aspetto economico, vantava grande esperienza nel settore.

Questa è la pura e semplice verità!

Una persona scelta per le sue competenze, non perché amica di qualcuno!

Ora tentiamo di rispondere al comunicato del “PD”, ma una domanda sorge spontanea: a quale PD rispondiamo? Al comitato elettorale del Sindaco o quello che ogni giorno ci chiede di rientrare nel partito?

Questo comunicato avrebbe avuto forse un po’ di senso se diramato la settimana prossima, visto che non si può sapere già oggi se ci saranno o meno interrogazioni in consiglio comunale. Ricordiamo che nessuna norma vieta alla maggioranza di presentare un’interrogazione su AMGA, perché non lo fanno? E ancora: scrivono che senza alcun dubbio il risultato più importante della giunta Centinaio sia stato salvare AMGA! Infatti, come già spiegato, la presidenza di AMGA è l’unica nomina che abbiamo sottratto dalle grinfie del PD, sarà un caso?

A parte AMGA, dove il PD non ha nessun merito, per il resto cosa ha combinato il PD? Vi diranno la loro in proposito i legnanesi appena potranno recarsi a votare! Inoltre cosa c’è di male ad occuparsi di sensi unici, di foglie non raccolte, di pensiline, di bagni pubblici inagibili? Forse dimenticate che siamo amministratori, i cittadini chiedono innanzitutto di occuparsi dei problemi di tutti i giorni, non di occupare poltrone per pensare alla propria carriera politica.

Anche se lo negheranno fino all’impossibile, in casa PD non riescono ad ingoiare un’opposizione che si è ulteriormente vitalizzata dopo il nostro arrivo. “Chi è causa del suo mal, pianga se stesso” lo diciamo noi!

“Per Legnano”: Stefano Quaglia  - Tiziana Colombo