Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Open Day Amga: per chi e per cosa?"

Due giorni dopo l'Open Day di Amga ecco il comunicato stampa, che pubblichiamo di seguito per intero,  delle rapprentase sindacali di Aemme Linea Ambiente nel quale si chiede «quanto è costato all’azienda l’organizzazione e la realizzazione di tale iniziativa», iniziativa che viene definita «più una vetrina politica che un reale momento di aggregazione»Al momento la società non ha reso noti i costi dell'iniziativa ma ha comunicato che hanno partecipato all'Open Day 200 persone e che le visite si sono incentrate alla centrale del teleriscaldamento.


L’Open Day organizzato dai vertici aziendali è parsa più una vetrina politica che un reale momento di aggregazione. A parte i familiari degli addetti ai lavori, gli esterni interessati a conoscere l’azienda dall’interno sono sembrati, infatti, un esiguo numero di persone. Molto tempo fa, quando AMGA organizzò un’iniziativa analoga l’evento era giustificato dal grande cambiamento del sistema di raccolta, da cassonetto a “porta a porta”; allora aprire le porte dell’azienda aveva un significato di partecipazione, coinvolgimento e conoscenza.

Ma oggi? Ci chiediamo se quella organizzata sabato scorso abbia un’intenzione che non sia solo autocelebrativa e uno scopo più costruttivo di quello dichiarato dal management. Ci chiediamo quanto è costato all’azienda l’organizzazione e la realizzazione di tale iniziativa, considerato che non si è lesinato nulla, nemmeno la presenza di una guardia giurata armata, figura che viene negata presso le piattaforme ecologiche dove gli operai rischiano ogni giorno aggressioni e pestaggi. Ci chiediamo quanto sono costate gli abbellimenti della sede, i rifacimenti della segnaletica e del giardino, le pulizie e gli imbiancamenti, i set fotografici, il materiale grafico, la cartellonistica, il rinfresco, l’animazione, le transenne, i palloncini, il costo del personale ecc.

Ci chiediamo come mai tanta attenzione nel voler mostrare il lavoro che c’è dietro le quinte non viene rivolta a chi, ogni giorno, questo lavoro lo svolge con impegno e dedizione cercando di superare, in un clima di tensione continua, fatiche e difficoltà oggettive. Ci chiediamo come mai è tanto importante la forma dell’apparire mentre la sostanza delle relazioni umane e sindacali è così scadente.

RSU Aemme Linea Ambiente