Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Crescono le quote rosa in consiglio comunale

«Voglio essere il portavoce dei disagi dei cittadini e portare a casa risultati, perché quello che chiedono i cittadini sono i risultati». Scatenata e determinata nel suo compito, questa sera, 6 ottobre, la pentastellata Marinella Saitta ha fatto il suo ingresso in consiglio comunale. Seduta al posto di Massimiliano Colognese, che ha lasciato il consiglio comunale «per impegni lavorativi e personali», la nuova consigliera del M5S è già entrata nel vivo di questioni calde per la città, come il cantiere Aler di via Porta o i 70 mila euro stanziati per l'assistenza al pagamento dell'ultima rata Tasi. «Benvenuta. Avevamo bisogno di una scossa di rianimazione», è stato  il saluto di Luciano Guidi (Ncd) a nome delle minoranze felici, insieme alla maggioranza, di avere un'altra donna in consiglio comunale, «perchè le donne hanno una marcia in più». Salgono infatti a 7 le donne in consiglio comunale: 3 consigliere nella maggioranza, 3 consigliere nell'opposizione e 1 assessore in giunta. 

Quella del 6 ottobre è stato il battesimo anche di un'altra donna, l'assessore alle Attività educative, Pari opportunità e Politica dei tempi e degli orari, Chiara Bottalo (RiLegnano) subentrata in giunta dopo l'uscita di scena dell'assessore Francesca Raimondi. Calorosi gli auguri al nuovo assessore da parte del Sindaco e di tutto il consiglio. Stefano Quaglia (Per Legnano) ha voluto ricordare il passato di Bottalo da Pentastellata testimoniato da una foto che la ritrae abbracciata con Beppe Grillo.

E' stato sempre Quaglia a chiedere di programmare in un periodo più consono la Coppa Bernocchi, a segnalare disagi con Ami Acque, e a chiedere che la Città Metropolitana si attivi per evitare lo spostamento della fermata di Movibus, da Milano Cadorna a Molino Dorino.Movibus

Dopo avere perso più di mezz'ora sull'interpretazione del regolamento comunale riguardo la modalità di gestione delle interrogazioni, che i capigruppo hanno voluto riunire nella prima ora, il dibattito politico è entrato nel vivo. 

Il consigliere di Sinistra Legnanese, Giuseppe Marazzini, ha interrogato la giunta sui problemi al teleriscaldamento delle palazzine Aler di Mazzafame, per la cui risoluzione è in fase di avvio un progetto presentato dallo stesso Aler, che prevede anche coibentazione e sostituzione delle tubature: «Cerchiamo, però, di capire le responsabilità di questi guasti che hanno fatto lievitare le bollette per i residenti», è stata la considerazione di Marazzini. E' partita sempre dal consigliere della sinistra Legnanese, l'interrogazione sul recupero delle ex Fonderie Tosi e sul degrado della Pensotti.

Era invece firmata da più gruppi di minoranza, l'interrogazione sullo spostamenti della fermata bus dell'ospedale (linea H) che ha creato diversi disagi soprattutto alla popolazione anziana. Proprio per questo il sindaco ha deciso di riportarla dov'era prima mettendo però in sicurezza la vecchia fermata, spostandola dopo l'attraversamento pedonale. Saranno inoltre creati parcheggi dedicati a Forze dell'Ordine e taxi. 

E' stato, infine, l'assessore Antonio Cumumano a spiegare il motivo della sospensione del cantiere alle scuole Pascoli, attualmente fermo. La ditta, a cui era stato appaltato l'intervento lo scorso 16 febbraio 2015, ha ritardato i lavori che avrebbero dovuto terminare lo scorso giugno. L'importo della penale ha superato il 10 % del costo complessivo ed è scattato l' affidamento a una nuova azienda  tramite una procedura negoziata. La ripresa dei lavori è prevista a gennaio con termine a marzo 2016. «Il disagio è noto a tutti - ha replicato Guidi -  e la causa di tale disagio dovevate rendercela nota fin da subito, non sbandierare risultati inesistenti ai giornali. Perchè non ci parlate? Perchè dialogate solo con la stampa?». 

Tra le prime delibere approvate, quella relativa all'istituzione di un registro delle cessioni dei diritti edificatori ha confermato il mancato raggiungimento dell'obiettivo del milione e quattrocentomila euro di oneri di urbanizzazione: "Non registriamo alcuna variazione di tendenza in campo edile - ha affermato l'assessore Ferrè- e di conseguenza l'attuale ottimistica previsione di incasso si ferma attorno ai 900mila euro. Soprattutto negli investimenti privati non si evidenziano segnali di una importante svolta".

Approvata poi la convenzione per servizi di Polizia Locale con i Comuni di Busto Arsizio e Castellanza. Il riferimento principale è una maggior sicurezza all'interno del Parco Alto Milanese, ma il progetto di mutuo soccorso non è limitato alla sola zona di verde pubblico.

Il consiglio riprende la sera di domani, 7 ottobre, con altre interrogazione e la mozione sulla riapertura della bretella dell'ospedale. 

(Valeria Arini)