Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

L'ECOMUSEO DELLA VALLE OLONA PRONTO A RIPARTIRE

L’Ecomuseo della Valle Olona è pronto a ripartire. A tre anni di distanza dal primo tentativo incagliatosi in mezzo a una serie di scogli di varia natura, ora rinasce il desiderio di riprovarci, cercando di imparare dagli errori commessi e riprendere la strada dove si era interrotta.

A rilanciare l’idea, lo stesso promotore del primo tentativo, deciso a non lasciarsi più travolgere da proposte e impegni che non abbiamo riscontri con la realtà. "Fermo restando tutti i requisiti dell'Ecomuseo, io coltivo tuttora la speranza di riprendere il progetto – afferma Michele Palazzo, Promotore del progetto -. Voglio lanciare un appello a tutti coloro ancora disposti a impegnarsi in prima persona per il bene dell'Ecomuseo e interessati a vederla come opportunità di sviluppo e non come prospettiva di arricchirsi".

Così, da una semplice intervista con Giuseppe Goglio, Direttore Responsabile di ValleOlona.com sui progetti per la Valle Olona, riprendeva forma un’idea liquidata troppo presto. Quello che in realtà è passato come un progetto abbandonato per scarso interesse, in realtà è naufragato per una serie di problemi emersi a causa della mancanza di basi solide, vale a dire accordi chiari prima di partire e competenze ben definite. L’interesse popolare in effetti non è mai venuto meno. "Tante persone continuano a domandarmi perché è morto tutto – spiega Palazzo -. È dovuto a una serie di egoismi, giochi di potere e questioni di campanile. Tutte cose che significano non avere lungimiranza sul proprio futuro".

Un colpo decisivo alle ambizioni di un cantiere che viaggiava a velocità sostenuta si è registrato infatti con l'entrata in gioco delle Amministrazioni locali. Quando il progetto nato tra le mura e il giardino de Il Piccolo Mondo Antico, oasi Castellanzese dello stesso Michele Palazzo, è stato preso in carico dai singoli Comuni, nel giro di poco tempo è venuta a mancare l’armonia e tutto è finito arenato nei meandri della burocrazia, senza più un vero responsabile in prima linea pronto a lavorare sul campo.

“Credo che la Valle Olona e i suoi abitanti abbiano diritto a un’altra possibilità questa volta però gestita per contro proprio – commenta Giuseppe Goglio -. Basta muoversi lungo la pista ciclabile della Valle Olona in qualsiasi giorno dell’anno con qualsiasi clima per capire quanta gente è sinceramente interessata a un’opportunità come l’Ecomuseo. Proprio per questo, serve l’aiuto di tutti, di chiunque sia disposto a mettere al servizio della causa il proprio tempo e la propria esperienza”.

Il via ufficiale per il progetto è previsto per Sabato 15 Dicembre a Castellanza. Presso la sede de Il Piccolo Mondo Antico, in via Giusti 14, si terrà una tavola rotonda, dove tutti sono invitati a partecipare. All’ordine del giorno, oltre a uno scambio di opinioni che ci si augura ricco e costruttivo, lo studio per la costituzione di un  Comitato Direttivo, la bozza di Statuto e Regolamento e l’analisi delle procedure per il riconoscimento del progetto da parte della Regione Lombardia.

 "La mia proposta è sempre la stessa – conclude Michele Palazzo -. Mettiamo insieme tutti quelli che credono ancora nell'Ecomuseo, mettiamoci la faccia con nome e cognome. Per ripartire bastano dieci persone, purchè veramente in buona fede e disponibili".

Della partita, oltre a Michele Palazzo e Giuseppe Goglio, sono già entrati a far parte anche gli Amici della Ferrovia Valmorea, per voce del presidente Marco Baroni. 

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI