Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Scempio" ambientale allo stadio

Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce...

"Scempio" ambientale al campo sportivo di via Pisacane. Questa mattina, sono partiti i lavori previsti da tempo, per eliminare il campetto da calcio in terra battuta e i due impianti dimessi del tennis. Al loro posto, tre campi da calcio in erba sintetica, come prevede il progetto della società varesina "Magister Sport Barasso Srl". Unico progetto, ricordiamo, presentato l'anno scorso a seguito di un bando lanciato dal Comune di Legnano. Per i dettagli, cliccare qui

L'operazione, purtroppo, ha comportato l'abbattimento totale dei pioppi che da sempre arricchivano il verde nell'area, proprio alle spalle della tribuna "distinti".

Mentre erano in corso i lavori, questa mattina, in redazione ecco telefonate e documentazione video e fotografica di alcuni residenti.

"Uno scempio ambientale. Non si può, non si devono abbattere piante che non stanno soffrendo. Ho chiamato in Comune, ma è sabato e non risponde nessuno", la prima telefonata, con spedizione di fotografie.

"Siamo inorriditi da un'azione incivile, indegna di un'amministrazione comunale. Non più picchi tra i rami e stormi cinguettanti, ma urla di giocatori di calcetto!", la seconda chiamata. 

"Ma come si fa a permettere una cosa simile? Guardate cosa è rimasto degli alberi!", terzo appello, con allegati video e foto.

E ancora una telefonata: "Venite... correte... fermateli!"

Dagli uffici tecnici del Comune, la rassicurazione che, tuttavia, non sappiamo fino a quale punto potrà alleviare il dispiacere ed eliminare completamente lo sdegno emerso in giornata dai residenti. La società incaricata dei lavori, nel contratto, ha previsto l'impegno di 11mila euro a titolo di compensazione nel verde pubblico. Insomma, via questi pioppi, in qualche altra parte della città, verranno messe a dimora nuove piante.

Davvero proprio tutti contenti?

Mah...

marco tajè, con la collaborazione di gea somazzi