Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Led e meno acqua: la piscina diventa ecosostenibile

Con questo servizio Andrea Tezza, studente al quarto anno del Dell'Acqua, chiude a Legnanonews il suo periodo di stage nell'ambito dell'alternanza scuola - lavoro. Andrea ha confermato tanti belle doti per un 17enne. Complimenti per l'impegno dimostrato, come può ben evidenziare anche questo servzio.


Il Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes), promosso dal Comune, "inonda" la Piscina Comunale di Legnano riducendo l'emissione di CO2 causata da illuminazione e riscaldamento dell'acqua. 

«Ci siamo impegnati e abbiamo realizzato un intervento di relamping - ha spiegato, nel corso della conferenza spampa sul Paesl'architetto di Amga Gianluca Ferrari -. Attraverso un bando nel dicembre 2015 siamo riusciti a sostituire tutti i neon della piscina comunale (Legnano e Parabiago) con ecologiche ed economiche lampade a led: i risultati non si sono fatti attendere. Oltre alla netta diminuzione del consumo di kilowatt, come si vede dall'ultima bolletta, il risparmio economico è di circa 6mila euro su un totale di 18mila euro, un importante risultato ottenuto in tempo breve».

Oltre a far risparmiare il Comune, questo intervento vuole essere un esempio per tutti i cittadini: i privati producono, con riscaldamento e illuminazione, addirittura il 40% dell'emissione di CO2 della città.

La più grande fonte di risparmio si avrà però con la ristrutturazione della vasca olimpionica scoperta dell'impianto legnanese. Ancora in fase di pianificazione, il progetto dell'amministrazione comunale prevede l'abbassamento del livello dell'acqua per risparmiare in riscaldamento, e ottenere una riduzione delle emissioni di CO2. Si stima un risparmio di circa 40mila euroLa profondità della piscina sarà ridotta sensibilmente, rendendo ecosostenibile l'impianto natatorio costruito negli anni '40. A quei tempi il risparmio energetico non era tra le linee guida degli enti locali.

L'amministrazione comunale, come ha affermato l'assessore all'Ambiente, Maurizio Tripodi, confida di avviare i lavori prima della fine del mandato. Nella migliore delle ipotesi il cantiere sarà avviato dopo la stagione estiva. Il progetto ha un costo di 700mila euro e fondamentale sarà l'inserimento di tale investimento nel bilancio di previsione che sarà discusso a breve. 

Andrea Tezza