Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Le minigonne o il burka?

“ Te sé svernissar da negher!”

“ Ma la smette di apostrofare ‘sta povera ragazza?”

“ Poarina! Ma se l’è tutta un trucco dalla testa ai piedi!”

“ E allora? Siamo nel ventunesimo secolo, mica all’età del ferro come ai suoi tempi”

Risata corale dei panchinari della “panchina tezenis” e duro attacco alla” fimmina terrona” (che sarei io!)

“Ti, ti che vai in gjesa lo vedi come sun cunciaà le ragazze ? Petto scoperto, pantaloncini all’inguine e ‘sti tacchi alti come le prostitute! E poi si lamentano degli stupri e delle molestie sessuali! Te le darìa io le minigonne! Disgraziate , a cercar guai!”

“ Allora ci mettiamo tutte il burka così gli uomini non ci stuprano! Che significa? Non è questione di abbigliamento, ma di rispetto e di educazione!”

“Tì dona, non capiss ‘na got! Gli uomini dove hanno gli occhi hanno le mani, te capìì, teruna?”

No comment!

Mariavittoria Riccio