Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tchoukball: spettacolo al PalaBorsani

Non hanno voluto mancare al prestigioso appuntamento con la grande festa azzurra di domenica 5 agosto sport meno conosciuti ma non per questo meno prestigiosi. E così alla grande festa sportiva hanno dato il proprio contributo entrambe le nazionali maggiori che hanno conquistato al Palaborsani di Castellanza il prestigioso titolo europeo del Tchoukball. Nella manifestazione, che si è aperta lo scorso 25 luglio con le gare Under, anche queste dominate dai colori azzurri, non hanno voluto sfigurare gli atleti delle nazionali maggiori, maschile e femminile, con prestazioni che hanno strappato applausi ai quasi 1000  spettatori presenti nonostante il proibitivo termometro che orientava più verso la piscina di Via Gorizia che sugli spalti del Dome dei Knights di Basket.

Il Tchoukball, alla presenza dello svizzero Michel Favre amico fraterno di Brandt  inventore della disciplina, ha così potuto presentarsi con tutto lo staff tecnico e dirigenziale  dal Presidente il Taiwanese  Shen-Szu Fang   alla Presidente della Federazione Europea Chiara Volonté vera trascinatrice e grande promoter di questo sport che ormai ha trovato una stabile presenza nel panorama sportivo mondiale. Hanno inoltre onorato con la loror presenza la manifestazione:   Jeff Ang – Singapore – segretario generale    Federazione  Internazionale e Philip Moore – UK – Vicepresidente /   Richard Jackson – UK – segretario generale  della Federazione Europea. Graditissima alla cerimonia di apertura la presenza del Governatore dell’Area 02 Lombardia del Panathlon International Fabiano Gerevini

Eccellente la organizzazione  e soprattutto gran divertimento con il team femminile che, nella gara di apertura delle finali, resisteva alla partenza bruciante delle atlete svizzere per poi raggiungerle sul finire del secondo tempo , controllarle nel terzo tempo e sorpassarle con grande personalità nell’extra time necessario per assegnare il titolo europeo. Diverso invece l’andamento della finale maschile che pur presentando in campo i campioni uscenti austriaci dopo qualche schermaglia iniziale venivano letteralmente progressivamente sopraffatti dalla qualità atletica e tattica superiore degli azzurri .  Nessun extra time finale e 15 punti di distanza a testimoniare la superiorità degli azzurri.

Sport di grande intelligenza tattica con movimento continuo, difesa ed attacco che si susseguono nessun contatto fisico fanno del Tchoukball uno sport che sposa non solo i principi olimpici ma anche quelli panathletici dell’etica,  del comportamento corretto in campo e di rispetto dell’avversario. A questo proposito segnalo il comportamento della nazionale elvetica che per ben due volte ha richiamato l’attenzione dell’arbitro chiedendo di annullare una decisione a loro favore in quanto inesistente. Allo stesso modo  anche due atlete italiane  -Maria Negrisolo e Margherita Spagli - hanno segnalato agli arbitri due punti non fatti in quanto avevano commesso fallo di cattivo rimbalzo.

Dinamicità, grandissimi gesti atletici, rispetto per l’avversario in campo, correttezza nei comportamenti questi gli ingredienti di questo sport che sicuramente riuscirà in un futuro abbastanza prossimo a coinvolgere un sempre maggior numero di appassionati e praticanti.