Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Primarie a Legnano: 10 domande "scomode" a Brumana e Guarnieri

In vista delle primarie della coalizione di Costituente Civica e Legnano Cambia, in programma domenica 26 gennaio, LegnanoNews ha intervistato i due candidati (Franco Brumana e Antonio Guarnieri) alle primarie di domenica 26 gennaio.

Ecco le loro risposte a 10 domande "scomode" su temi che riguardano nostra città.

 

       

 Per quanto riguarda la biblioteca al Parco Falcone-Borsellino Brumana specifica che «altre possibili soluzioni in edifici pubblici già esistenti consentiranno di evitare lo spreco di circa 6 milioni e di finanziare opere più rilevanti»; per Guarnieri, invece, «la decisione sul progetto e l'ubicazione va supportata da uno studio biblioteconomico serio e condiviso».

Se sul Rugby Sound all'Isola del Castello il candidato di Legnano Cambia si dice favorevole anche se comunque «disponibile a valutare location alternative», il suo avversario, che da sempre è stato contrario alla location in cui attualmente di svolge la manifestazione, è senza dubbi per lo «spostamento dei concerti altrove e comunque al di fuori del meraviglioso pratone dell’isola del Castello che è un’oasi di biodiversità e che deve essere valorizzato come scenografia del Castello».

Entrambe i candidati sono favorevoli al palazzetto dello Sport, anche se per Guarnieri «occorre valutare la fattibilità e la sostenibilità del progetto» e per Brumana «la priorità dovrà essere data alla sistemazione di alcuni impianti sportivi in condizioni inadeguate».

Lo stesso vale per l'ipotesi di un'arena per il Palio: «Se il Gran Maestro del Palio avanzerà una proposta di arena del Palio la valuteremo con grande attenzione», specifica Brumana; «l'ipotesi va valutata di concerto con le autorità del Palio», sottolinea Guarnieri.

Secondo Brumana «la Fondazione Cultura potrebbe essere utile solo per alcune delle molteplici iniziative da porre in essere e valuteremo se sarà necessaria e conveniente. Cercheremo comunque di non creare enti inutili», mentre l'ente non farà parte di un'eventuale amministrazione a guida Guarnieri, che si dice contrario alla sua istituzione.

La Fondazione Palio, per Brumana, «appare necessaria, ma ne valuteremo con il mondo del Palio e con il Gran Maestro la convenienza»: anche per Guarnieri l'ipotesi va «valutata di concerto con le autorità del Palio».

Entrambi i candidati sono favorevoli alla tariffa puntuale per la raccolta differenziata e al potenziamento delle ciclabili.

In tema di diritti civili, i due contendenti hanno dichiarato di essere pronti a celebrare un'unione civile tra due persone dello stesso sesso. Parlando di immigrazione, invece, per Brumana l'accoglienza ai migranti «organizzata e razionale è il presupposto per garantire una serena convivenza e costituisce un indispensabile apporto alla sicurezza cittadina» e per Guarnieri «l'accoglienza e l'integrazione degli immigrati regolari è un dovere di chi amministra e previene la creazione di sacche d'illegalità».