Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A Palazzo Lombardia nemmeno l'ombra di legnanesi

Nonostante una nutrita pattuglia di candidati da sinistra a destra, di legnanesi a Palazzo Lombardia nemmeno l'ombra. E' stato definito, infatti, il quadro dei 78 consiglieri regionali. Negli elenchi nessun esponente politico di Legnano e del nostro territorio.

Unico "legnanese", che può ancora ambire a un posto in Regione, l'assessore allo sport Alan Rizzi. Sesto per preferenze ricevute con Forza Italia e preceduto da due ex assessori regionali (Gallera e Altitonante), Rizzi può nutrire con ottimismo possibilità di elezione nel caso in cui due tra i colleghi che hanno ricevuto più preferenze entrino in Giunta. "Continuerò ad occuparmi di Legnano, dovessi diventare consigliere regionale", la sua promessa. Intanto, Letterio Munafò, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, diventa il candidato più serio per subentrare a Rizzi nel Governo Fratus.

Ricapitolando, in Regione, la Lega avrà il maggior numero di consiglieri, con Forza Italia 14, 3 Fratelli d'Italia, 1 la lista Fontana presidente, 1 la lista Noi con l'Italia-Udc, 1 Energie per la Lombardia. La minoranza sarà rappresentata solo da tre gruppi: il PD con 15 eletti, il Movimento 5 Stelle con 13 e Gori presidente 2.

Per l'elenco dettaglio, clicca qui

 

(Marco Tajè)