Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Legnano Futura: Stefano Quaglia, candidato sindaco

A tre mesi dalle elezioni, il movimento civico Legnano Futura fa un ulteriore passo avanti, ufficializzando il candidato sindaco. Ce lo si poteva aspettare e così è stato: in un direttivo guidato da tre persone, dopo l'abbandono di Daniele Berti e altri sostenitori, il candidato sindaco è l'attuale consigliere comunale del gruppo Per Legnano, Stefano Quaglia. 

Ascolto e capacità decisionale: questi gli obiettivi della lista per la creazione di un gruppo che possa «guidare la macchina comunale al di là dei consulenti e dei dirigenti - ha commentato Quaglia -. Cosa faremo? Tutto è ancora aperto. Abbiamo per ora solo gettato un sasso nello stagno, adesso bisogna sedersi ad un tavolo con la volontà di costruire insieme progetti concreti. Non è con le sparate che si fa politica».

Accanto a Quaglia non mancano certo le quote rosa: Stefania Laguardia, il suo impegno a livello sociale e commerciale è noto alla città. «Vogliamo portare cambiamento e per farlo ci mettiamo la faccia - ha sottolineato -. Rischiare è una caratteristica della nostra lista, ma vogliamo provarci anche a costo di fallire».

Un programma basato su progetto, partecipazione e metodo, passando attraverso l'ascolto. «Vogliamo creare una città a misura di persona, un comune attento ai cittadini e alle associazioni di categoria. Al Pgt non ci si mette mano dopo quattro anni e mezzo come è stato fatto, ma subito».

Tanti i temi toccati nel programma (che verrà aggiornato giorno per giorno, da domani, sul sito www.legnanofutura.it), dalla sicurezza all'aspetto legato al lavoro, alle imprese e al commercio, passando poi per la cultura, la mobilità, il sociale, le aree verdi, l'immigrazione. Un mix di obiettivi su cui ogni lista o partito punterà: la parte difficile sarà, come sempre, mantenere le promesse. «Per guidare la macchina comunale ci vuole cautela, ci vogliono anni per ottenere risultati. L'importante è ascoltare e dare risposte, anche negative, ma darle» ha ribadito Quaglia, lanciando l'appello a «chiunque si voglia fare avanti di prendere contatto con noi. Non abbiate paura della politica».

L'appello è rivolto in particolar modo ai giovani e così ad appoggiare il Movimento ecco Sara Borrelli, 24 anni: «Non ho nessuna esperienza politica, ma voglio dare il mio apporto per una visione più giovane e nuova di Legnano. L'importante è avere ideali e obiettivi e portarle avanti perchè i giovani oggi sono delusi dai politici che fanno promesse ma non riescono a mantenerle». 

(Manuela Zoni)