Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ex Auchan- Conad, cassa integrazione fino alla fine 2020

Durerà sino alla fine del 2020 la cassa integrazione per la crisi aziendale richiesta da Margherita Distribuzione SpA, l'azienda del marchio Conad che ha ritirato l'ex Auchan. Una difficile situazione emersa durante l’incontro tenutosi, venerdì 14 febbraio, a Roma tra Filcams Cgil, Fisascat Cisl, e Uiltucs e la proprietà. Un tavolo richiesto per definire la riorganizzazione aziendale nel passaggio di Auchan a Conad. 

Sarà interessato il 60% dell’organico, impiegato nei 113 punti vendita coinvolti tra cui quello di Rescaldina (309 dipendenti- in Cgi sarebbero 185), Nerviano (171 dipendenti - in Cgi 102), lo Sma di San Vittore Olona (26 dipendenti- in Cgi 15) e anche il Supermarket Lombardia della vicina Busto Arsizio (19 dipendenti - in Cgi 9). Quindi, saranno 9mila dipendenti in tutta Italia, senza tener conto anche degli oltre 817 dipendenti della sede – diminuiti a 718. . 

L’azienda ha proposto di ricorrere all’applicazione di specifici strumenti di gestione dell’esubero volti ad attenuarne gli impatti sociali a garanzia della salvaguardia occupazionale. Ma, secondo i sindacati, la fattibilità delle soluzioni proposte non è del tutto chiara. «La mancanza di dettagli sulle effettive possibilità di ricollocazione e sull’efficacia degli strumenti di outplacement sancirebbe di fatto il licenziamento delle lavoratrici e dei lavoratori che non aderirebbero al piano di incentivazione - afferma il segretario nazionale della Filcams Cgil Alessio Di Labio - Per la Filcams CGIL è opportuno che il confronto sulla cassa integrazione parta da chiarimenti dettagliati sugli esuberi del singolo punto vendita, anche qualificando se fossero esuberi derivanti dalla riduzione del costo del lavoro oppure da processi di riorganizzazione e riduzione degli spazi commerciali. Al pari è utile verificare in sede Ministeriale quanto proposto dall’impresa, a riguardo le organizzazioni sindacali hanno già avanzato richiesta unitaria di incontro al Ministero del Lavoro».

(Gea Somazzi)