Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

GranCasa: situazione in stand by fino a giugno

La questione GranCasa è in stand by fino a venerdì 7 giugno. Non è stata presa alcuna decisione durante il tavolo indetto questa mattina, lunedì 27 maggio, al Ministero del Lavoro a Roma. Sindacati e proprietà non hanno trovato una soluzione: i 158 esuberi restano confermati. 

I rappresentanti della Fisacat Cisl e Filcams Cgil per il momento non sono entrati nel dettaglio dell'incontro, ma hanno dato ad intendere che non vi è stata alcuna apertura da parte della proprietà. Quindi continua lo stato di agitazione e le segreterie nazionali hanno proclamato una terza giornata di sciopero per sabato 1 giugno.  

 

Nel contempo i lavoratori provenienti da tutto l'hinterland hanno partecipato allo sciopero indetto oggi all'entrata della sede di GranCasa Legnano. «Lo sciopero ha visto la partecipazione di oltre un centinaio di lavoratori - spiega Fabio Petraglia della Fisacat Cisl di Legnano -: persone provenienti non solo da Legnano, ma anche dai Comuni della zona come Nerviano, Saronno e da San Giuliano Milanese. La situazione resta difficile e prossimamente annunceremo quali saranno le nuove azioni sindacali. In pratica il ministero ha deciso di prendere tempo nella speranza di poter trovare una soluzione. Nel frattempo 11 lavoratori, del gruppo in esubero, sono riusciti a trovare una nuova collocazione».

(Gea Somazzi)