Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Fondazione Sant'Erasmo, 36 assunzioni entro giugno

Trentasei nuove assunzioni entro giugno alla Fondazione Sant'Erasmo: è stato siglato martedì 16 aprile l'accordo per l'internalizzazione del personale incaricato dell’assistenza agli ospiti della RSA, che fino ad ora è stato suddiviso al 50% fra personale dipendente e personale in appalto assunto da cooperativa del settore. 

L'accordo fa seguito a quello con cui un anno fa era già stato internalizzato tutto il personale infermieristico. In questo modo l’intero organico assistenziale e sanitario della Fondazione sarà costituito da dipendenti, con il numero totale delle unità di lavoro che passerà dalle 82 attuali alle 118 future.

L’accordo è stato siglato dal direttore generale della Fondazione e dalle rappresentanze delle organizzazioni sindacali di CGIL, CISL, UIL e CSA. Hanno inoltre partecipato all’incontro la delegazione delle RSU e il consulente del lavoro della Fondazione Marco Frisoni. «L’accordo - ha sottolineato Frigoli - crea i presupposti per una gestione unitaria della RSA e per l’introduzione di misure che possono concretamente migliorare la qualità del servizio».

Grazie al documento diglato, sarà possibile «consolidare il senso di appartenenza di tutti lavoratori impegnati in azienda - spiegano il presidente della Fondazione Sant'Erasmo Domenico Godano e il consiglio di amministrazione -, sempre con l’intento di migliorare le condizioni di benessere dei nostri ospiti». L’auspicio per Godano è ora che «attraverso il dialogo e la collaborazione fra azienda e lavoratori, si possa sempre garantire un futuro di successi per la Fondazione e per tutti i cittadini che quotidianamente beneficiano dei suoi servizi».

«Siamo estremamente soddisfatti dell'accordo raggiunto - commentano dalla UIL-FPL -, anche perchè di questi tempi un accordo come quello raggiunto in questo caso non è assolutamente scontato»

(Leda Mocchetti)