Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

I ragazzi dell’Olga Fiorini a Roma per la quarta edizione di #ProteoBrains

Tre studenti dell’Istituto Acof Olga Fiorini di Busto Arsizio, Angelica Cascone, Valeria Lodini e Beatrice Dusi hanno partecipato alla quarta edizione di #ProteoBrains 2019, tenutasi nei giorni scorsi a Roma.

La manifestazione è stata organizzata per presentare i risultati del 7° Rapporto di ricerca, l’Osservatorio “Generazione Proteo” della Link Campus University. E come di consueto la “due giorni” è stata animata dai confronti e dibattiti tra Scuola e Università. Protagonisti assoluti centinaia di studenti provenienti da tutta Italia. 

Quest’anno sono stati intervistati circa 10mila studenti italiani, tra i 17 e i 19 anni, sui temi al centro dell’agenda politica italiana. Ne è emersa una fotografia approfondita dei giovani e del loro rapporto con le Istituzioni, l’Europa, la famiglia, la scuola, l’immigrazione, il lavoro, la diversità, l’ambiente, le tecnologie e la giustizia.

Nei due giorni di #ProteoBrains, gli studenti dell’Istituto Acof hanno avuto la possibilità di “salire in cattedra” nei diversi tavoli tematici, misurandosi con gli altri studenti e dialogando con gli esponenti del mondo accademico, della cultura e del lavoro.

«Al termine della manifestazione spiega la vicepreside dell’Istituto, Giovanna Logozzi, che ha accompagnato i ragazziquanto emerso dai lavori dei tavoli tematici è stato tradotto dai partecipanti in un’immagine e/o in un hashtag che essi hanno poi consegnato (congiuntamente alle loro idee, suggestioni e proposte) alle Istituzioni, che da sempre non fanno mai mancare il loro sostegno alle attività dell’Osservatorio. È stata un’esperienza molto istruttiva ed interessante che ha permesso ai nostri ragazzi di esprimere le loro opinioni attraverso il dialogo su diverse tematiche che li riguardano da vicino».