Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

All'Ariston la collezione delle studentesse dell'Olga Fiorini

L’Istituto Olga Fiorini sfila sul palco dell’Ariston e ottiene la menzione di merito per l’originalità della collezione presentata.

 Le ragazze della classe quinta e dell’indirizzo Scienze Umane hanno partecipato al Gef, il Global Educational Festival di Sanremo, evento Internazionale della creatività studentesca. Ed è proprio sul palco dell’Ariston, che le sette alunne dell’istituto hanno provato l’emozione di sfilare con i loro capi realizzati interamente a mano.  

Abiti creati rivisitando gli anni ’60 con tessuti innovativi e tecnologici come il neoprene, il pvc, coordinati dal “rosa bubble” (colore della tendenza dell’estate 2019) e da forme indimenticabili di quegli anni, come minitriangoli e trapezi.

La collezione ha riscosso successo tra il pubblico presente in sala, che ha risposto con numerosi applausi durante la sfilata. Giunto alla 21esima edizione, il GEF è ormai considerato uno dei più prestigiosi festival internazionali, volto a valorizzare e promuovere la creatività nelle scuole e quest'anno ha visto la partecipazione record di studenti provenienti da 22 nazioni, dalla Francia alla Spagna, Moldova, fino anche al Sud Africa, Australia, U.S.A., Argentina e, naturalmente, Italia.

Le scuole che si sono qualificate per le fasi finali hanno preso parte ai vari concorsi a loro riservati, Musica/Canto, Danza, Musical, Teatro, Cinema, Moda, Ginnastica Artistica e Ritmica, Scrittura, Pittura, presentando i loro progetti alle qualificate Giurie del GEF.

«Le ragazze hanno rivisitato in modo creativo ed originale lo stile degli anni ’60 con la soddisfazione di aver utilizzato tessuti non usuali e addirittura avveniristici - spiega la docente di Ideazione e Progettazione dei prodotti moda -. È stata un’esperienza formativa importante perché, oltre al riconoscimento ottenuto, ha permesso alle alunne di potersi confrontare con realtà scolastiche internazionali».