Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il Bernocchi ricorda la nascita dell'ANMIG

Sono passati cento anni da quel 9 gennaio 1918, quando nella nostra città venne fondata la sezione legnanese dell’Associazione mutilati di guerra. Nell’aula magna dell’Istituto Bernocchi di Legnano è stata ricordata la nascita dell’ANMIG, l’Associazione nazionale Mutilati e Invalidi di guerra con la presenza del presidente regionale e della sezione di Legnano Giovanni Vignati (figlio di un reduce nella campagna in Grecia).  

A livello nazionale l’associazione era nata pochi mesi prima a Milano (aprile 1917). In seno all’ANMIG nacque poi nel novembre ’18 l’Associazione Nazionale Combattenti (ANC), destinata col tempo a diventare molto influente politicamente. A Legnano mutilati e invalidi fondarono la loro associazione nel gennaio del 1918. Erano tanti e fino a quel momento le istituzioni non avevano fatto praticamente nulla per venire incontro alle loro più elementari esigenze: terapie riabilitative (quando era possibile), assistenza alle famiglie, pensioni e inserimento nel mondo del lavoro. C’era una guerra da vincere e la classe dirigente dell’epoca non aveva tempo per questi ex- soldati sfortunati e così furono loro a fondare la loro associazione e a farla valere dopo la guerra.

Il centenario dell’Associazione mutilati è stato l’occasione per parlare davanti ad alcune classi quarte e quinte di quello che quotidianamente accadeva sui campi di battaglia della Grande Guerra. L’impatto delle nuove armi fu devastante accanto al modo suicida con cui si mandavano le fanterie all’attacco di fronte al filo spinato e al fuoco serrato di fucili, cannoni e mitragliatrici. In particolare sono stati ricordati alcuni mutilati legnanesi i quali dopo mesi e anni di malattie e devastazioni subite dal proprio corpo dovettero poi fare i conti con le lungaggini della burocrazia e una difficile esistenza quotidiana una volta finita la guerra. Giovanni Vignati ha poi ricordato gli scopi statutari dell’ANMIG; ovvero difendere i valori della democrazia e della libertà e soprattutto demistificare qualunque discorso di difesa o giustificazione delle guerre. Alla fine del suo intervento Vignati ha premiato alcuni studenti del Bernocchi che hanno partecipato alle ultime edizioni del Concorso “Pietre della Memoria”: Stefano Barlocchi, Matteo Bianchi, Daniele Montefiore, Mattia Pecoraro e Gabriele Santoro.

(Sabrina Distante)