Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Studenti legnanesi in viaggio nella Memoria

Si è concluso da pochi giorni il pellegrinaggio promosso dall’amministrazione comunale e dall’Anpi di Legnano all’interno di alcuni lager nazisti.

In rappresentanza del Comune di Legnano l’assessore Antonio Ferrè.

Dal 5 all’8 maggio sono stati visitati i lager di Bolzano, Ebensee, Gusen, Hartheim, Mauthausen e Dachau. Hanno partecipato docenti e studenti di alcune scuole di Legnano: Bernocchi, Dell’Acqua, Galilei e Barbara Melzi.

L’esperienza che è stata maturata è servita agli studenti per riflettere sulla natura ideologica e politica del nazismo, di cui i lager rappresentano la più compiuta realizzazione con la loro struttura volta all’annientamento degli oppositori politici, degli ebrei e di tutti coloro che non si uniformavano al “verbo” nazista.

Nei lager visitati sono stati deportati anche molti operai di Legnano che ebbero il coraggio di scioperare nel gennaio e nel marzo del 1944, nel momento in cui nelle fabbriche dominavano le autorità tedesche e fasciste inclini a considerare gli scioperanti “nemici irriducibili del Reich”. Erano invece operai delle maggiori fabbriche di Legnano che chiedevano migliori razioni alimentari, qualche diritto di tutela sindacale, orari di lavoro meno opprimenti. Trentacinque di loro, dall’autunno '43 alla primavera '45, finirono prevalentemente a Mauthausen e più della metà morì di sottoalimentazione, lavoro schiavile, violenze di ogni genere, malattie.

Il Pellegrinaggio, con la deposizione di una corona d’alloro a Mauthausen, ha voluto ricordare ai giovani studenti presenti altri giovani lavoratori e partigiani che settant’anni fa fecero una scelta, dettata dalla dignità, e pagarono con la deportazione e la vita.

In particolare Antonio Ferrè ha voluto sottolineare nel suo discorso a Mauthausen il ruolo decisivo dei giovani nel tramandare e mantenere la Memoria di quanto accaduto affinchè simili orrori non abbiano a ripetersi.

Alla fine studenti e docenti hanno espresso un forte ringraziamento nei confronti dell’amministrazione comunale di Legnano che dal 1978 permette ogni anno a rappresentanze delle singole scuole di Legnano un’esperienza per certi versi altamente formativa.

Giancarlo Restelli e Paola Secol