A Legnano altri cinque posti letto di Terapia Intensiva

A Legnano, verranno aperti altri cinque posti letto di terapia intensiva per i pazienti Covid-19 che andranno ad aggiungersi ai 1550 posti aperti in questi giorni di emergenza in tutta la Lombardia. Ad annunciarlo oggi, martedì 24 marzo, è stato l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera.

«La Regione Lombardia è riuscita ad aumentare del 110% i posti in terapia intensiva portandoli da
724  a 1500 - 
commenta Gallera - Vogliamo continuare a garantire un'assistenza adeguata e ricoverare chi ne ha più bisogno. Domani ne apriamo altri 5 a Legnano e, al San Carlo e giovedì 26 altri 5 al Policlinico e 10 al Niguarda». 

I casi positivi sono 30.703. Si stanno riducendo i numeri riguardanti le persone ricoverate che attualmente sono 9711, i malati dimessi sono 6657, e quelli in terapia intensiva sono 1194. Purtroppo, però, stanno aumentano le persone decedute che sono 4.178. Ricordiamo che con Aifa sarà possibile utilizzare Avigan».

Nell'hinterland di Milano risultano 5.701 positivi,mentre a Codogno non ne risultano , un dato, quest'ultimo «che fa sperare». A Legnano, i casi ufficiali stanno per superare quota 100 contagiati

Per quanto riguarda i medici di Medicina Generale, la Regione ha chiesto una maggiore presa in carico e il monitoraggio sul territorio da parte dei medici di famiglia, anche attraverso sistemi di telemedicina, sia dei pazienti Covid che sono stati dimessi, ma non sono ancora guariti, sia di coloro che manifestano sintomi riconducibili al virus. E sarà previsto per gli operatori sanitari la cui temperatura corporea superi i 37,5 il tampone naso-faringeo per ricerca di SARS-CoV-2 e l’allontanamento dal luogo di lavoro con sospensione dell’attività lavorativa.

Per quanto riguarda il contagio dell'ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso l'assessore Gallera ha annunciato che sta bene anche se risulta positivo al test: «continuerà a lavorare per la realizzazione dell'Ospedale in Fiera Milano». 

(Gea Somazzi)