Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Zagato - Oldrini, la coppia "100 anni" di S.Erasmo

In Italia non si parla altro che di questa benedetta quota 100… A Sant’Erasmo, come sempre, siamo arrivati prima di tutti e sabato 19 gennaio abbiamo celebrato i primi due fortunati ad aver raggiunto questo ambito traguardo: Marinella Zagato e Maurizio Oldrini.

Ebbene sì, questi due storici contradaioli bianco azzurri hanno compiuto un secolo di contrada: Maurizio con ben 59 anni di militanza e Marinella con 41. In questi 100 anni di storia, hanno ricoperto ogni tipo di ruolo: banda del capitano, scudiero, Gran Priore, Gran Dama, addetto sfilata, conciliere e i più svariati ruoli in corte.

Nel corso di questa splendida e familiare serata, fortemente voluta  proprio dai più giovani di contrada che si sono anche occupati del menù, la proiezione di foto e immagini hanno permesso alle nostre due memorie storiche di ricordare e narrare fatti e avvenimenti relativi ad annate paliesche dagli anni 60 ad oggi. Aneddoti relativi a cavalli e fantini, ai tanti anni in attesa di vincere un palio e alle 4 (perché sono 4) vittorie consecutive, fino alle trasferte in giro per l’Italia per far conoscere il Palio di Legnano; ci hanno poi fatto sorridere raccontando gli scherzi goliardici molto frequenti in quegli anni, ma anche ragionare sulla nascita delle rivalità con le altre contrade e comprendere quanto tortuosa sia stata la strada che ha condotto alla definitiva casa del corvo, passando da cantine e cortili dei capitani di allora attraverso 5 traslochi. Molto apprezzato è stato anche il cameo del capitano non reggente Antonio “Tonino” Callegari, vincente nel 1974, che ha impreziosito il racconto delle nostre due colonne portanti.

Insomma una serata che ha rapito proprio tutti, dai più “anziani” fino ai più giovani contradaioli, tutti unitamente consapevoli che il futuro non si può scrivere senza conoscere il proprio passato.

Contrada S.Erasmo