Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Trofeo Galletto: in campo 1500 piccoli rugbisti da tutta Italia

Cinquanta società provenienti da tutta Italia al Trofeo del Galletto – Memorial Luciano Marazzini. Una vera festa del Rugby animata da 150 squadre per un totale di 1500 bambini iscritti.

Massima la soddisfazione nella “casa del rugby” parabiaghese i cui responsabili, prima di dare appuntamento al Rugby Sound Festival in programma all'Isola del Castello a Legnano dal 28 giugno al 7 luglio, hanno fatto il bilancio della manifestaziona appena conclusa. 

«In principio fu il treno, contemplato dal “Ragazzo di Campagna” Renato Pozzetto - commentano sorridendo i responsabili -. Poi fu la volta dei lumi di candela. Ma il vero romanticismo sportivo è cenare, cantare e divertirsi all’ombra delle H del Venegoni-Marazzini perché, si sa, le H sono sempre le H. Con un po’ di umorismo, abbiamo riassunto molti dei commenti raccolti durante il Trofeo Galletto e la Festa del Rugby. I numeri del Galletto confermano che il rugby continua ad essere uno sport attrattivo per grandi e piccoli, capace di coniugare divertimento e crescita». 

Sugli spalti sono stati circa 4000 gli ospiti che si sono alternati per incitare gli atleti under 6-8-10 e 12. «L’idea di sposare Trofeo del Galletto e Festa del Rugby ha permesso di prolungare il divertimento - spiegano gli organizzatori -, accogliendo appassionati, sportivi, famiglie e tanti ospiti: dal Sindaco Raffaele Cucchi all’assessore Diego Scalvini, alle tante aziende che sostengono la Squadra, tutti hanno voluto passare per un saluto o per una cena insieme».

Il sindaco Cucchi, in particolare, ha sottolineato il legame che unisce la Città di Parabiago alla Casa del Rugby: «Parabiago vuole mantenere la tradizione che ha costruito negli anni grazie a uomini come Luciano Marazzini al quale il memorial è dedicato. Vogliamo investire sui giovani».

Tanti anche i parabiaghesi e le persone dei comuni limitrofi che hanno approfittato del “match casalingo del divertimento” per seguire le band locali e vivere l’atmosfera di una festa di fine anno. «Un ringraziamento a Giove Pluvio che ha graziato il Rugby Parabiago 1948 con un meteo più clemente delle nefaste previsioni dei giorni precedenti - commentano infine gli organizzatori -  ma, soprattutto, un enorme grazie va alla sempre più collaudata squadra dei volontari che, di anno in anno, hanno creato una macchina organizzativa impeccabile. Tutto è pronto quindi per vivere una lunga estate calda (si spera) con il Rugby Sound Festival: gli amici del Rugby Parabiago 1948 vi aspettano».