Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cambiamo Canegrate sulle scuole: "Mai un controllo alla tensostruttura"

La struttura c'è (e si vede), ma non risulta agli atti di ATS (ex Asl). E quindi, in 18 anni di esistenza, non è mai stato effettuato un controllo sulla tensostruttura di via dei Partigiani, utilizzata dai ragazzi delle scuole medie di Canegrate e dalle società sportive. La situazione viene denunciata dalla lista di opposizione Cambiamo Canegrate, che da mesi sta seguendo la vicenda e punta il dito contro la mancata comunicazione del Comune dal 2000.

«Il sopralluogo effettuato dal personale di ATS in data 16 ottobre 2018 presso il plesso di via 25 aprile ha riguardato solo ed esclusivamente la scuola statale secondaria di primo grado e le relative pertinenze, così come altri pregressi sopralluoghi al medesimo indirizzo hanno riguardato sia la suddetta scuola che altre unità d'offerta ivi presenti - scrive ATS in una risposta ai consiglieri di opposizione in data aprile 2019 - mentre non sono mai stati effettuati sopralluoghi presso la tensostruttura relativamente alla quale, si ribadisce, non risulta alcuna documentazione agli atti della scrivente ATS».

Da parte sua, il Comune di Canegrate, in risposta a un'interrogazione dell'opposizione, in data 27 maggio 2019, spiega che «la documentazione relativa alla tensostruttura non è presente agli atti di ATS in quanto realizzata nell'anno 2000, successivamente al resto del complesso scolastico eseguito in lotti diversi negli anni '70, e quindi soggetto a comunicazioni e pareri diversi nei confronti di ASL, in funzione delle norme in vigore all'epoca delle relative costruzioni». Una documentazione che poi, su sollecito di ATS, è stata comunque inviata.

Gli esponenti di Cambiamo Canegrate hanno quindi chiesto a ATS di effettuare un sopralluogo alla tensostruttura, per verificare eventuali criticità. Sotto la lente di ingrandimento della minoranza, tra gli altri, il passaggio scoperto da scuola a tensostruttura, la presenza, o assenza, di barriere di sicurezza idonee e alcuni spigoli vivi delle travi portanti. Un discorso che poi Cambiamo Canegrate allarga alla sicurezza delle scuole, su cui chiede di fare di più.

«La superficialità dell'amministrazione in queste cose è disarmante - attaccano i consiglieri Christian Fornara, Alberto Manzalini e Annalisa Sormani -. Vogliamo che i lavori di sistemazione alle scuole siano fatti e vogliamo una scuola che sia messa a posto e messa a posto bene. Ormai i lavori previsti partiranno nel 2020, se tutto va bene». «Invitiamo l'assessore Edoardo Zambon che in questi due anni di assessorato si è limitato a proclami a cominciare ad adoperarsi concretamente per far risolvere i problemi che abbiamo segnalato e che dovrebbe in realtà ben conoscere considerata la sua pluridecennale presenza nell'ICS A.Moro - sostengono da Cambiamo Canegrate -. Riteniamo che l'assessore Matteo Modica che era presente all'inaugurazione della tensostruttura in qualità di assessore allo sport avrebbe dovuto preventivamente verificare la conformità della struttura alle normative vigenti in materia di sicurezza invece che premurarsi di mettersi in prima fila durante la foto di rito. Inoltre, in veste di assessore al bilancio dovrebbe spiegarci come mai non viene posta da anni la giusta attenzione e gli investimenti necessari per rendere più moderna, sicura e accogliente la nostra scuola».

Da parte sua l'amministrazione risponde che esiste un pre-studio progettuale per la scuola e un mutuo aperto per vedere gli interventi realizzati nelle estati del 2020, 2021 e 2022. «Il ritardo è dovuto a una risposta per un finanziamento del Ministero dell'Interno che è arrivata mesi dopo la data prevista - spiega l'assessore Zambon -. Così avremmo avuto il rischio di non finire il primo lotto di lavori entro l'estate e abbiamo deciso di rimandare al prossimo anno». L'assessore Zambon, poi, garantisce che nel progetto di riqualificazione delle scuole si interverrà anche sul passaggio che porta alla tensostruttura.

(Chiara Lazzati)