Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Quanto è vero: "L'amore è un enigma straordinario"

L'amore è un enigma straordinario
di G. Simsion
ed. Longanesi
€ 19,50


Il professor Don Tillman, ordinario di genetica, e la sua adorata Rosie di sfide ne hanno affrontate tante, come ben sanno i lettori affezionati come me.

Si sono innamorati nonostante le abissali differenze che li dividevano - lei così solare, vivace e imprevedibile, e lui così preciso, serio e compulsivo -, si sono sposati no­nostante la proverbiale maniacalità e asocialità di Don e hanno portato a compimento il progetto più bello: diventare genitori. Dopo dieci anni trascorsi a New York, ora sono tornati in Australia e stanno per affrontare la sfida più difficile. 

Hudson, il loro figlio, ha qualche difficoltà a scuola: è molto impacciato e non riesce ad ambientarsi. Qualcuno sospetta un disturbo dello spettro autistico. Proprio come suo padre. Don sa molto bene come si sente suo figlio perché ha passato metà della sua vita cercando di sentirsi al posto giusto. Quindi chi meglio di lui può insegnare a Hudson ciò di cui ha bisogno? E allora ecco che dopo il "Progetto Matrimonio" e il "Progetto Bebè", Don si mette a pianificare il "Progetto Hudson", che richiederà l’aiuto di vecchi e nuovi amici. Sarà necessario guidare il ragazzo passo per passo in molte situazioni, e imparare a lasciarlo andare in tante altre, mentre il destino porrà a Don  mille altri problemi da risolvere: l’Oltraggio della lezione di genetica, i guai di Rosie al lavoro, l’allontanamento del suo migliore amico Gene… E soprattutto l’apertura del miglior cocktail bar al mondo.

Arguto e provocatorio, popolato di personaggi divertenti e umanissimi, "L’amore è un enigma straordinario" è un romanzo che con delicatezza e leggerezza ci pone dinnanzi al tema delle differenze e ci offre il dono di uscirne riconciliati col mondo. C'è tanto studio, dietro la stesura di questo romanzo; c'è la voglia dell'autore di incontrare il mondo dell'autismo per poterlo poi raccontare, con la semplicità e normalità che merita.

Perchè , in fondo, ciò di cui davvero parliamo sono semplicemente sfumature, prospettive, dettagli che rendono uniche le persone descritte. Perchè, in fondo, basta ricordarsi che è meglio dire "sei 
unico" che "sei diverso", anche se le frasi possono significare la stessa cosa. Perchè, in fondo, il  modo migliore per amare è abbracciare la diversità che abbiamo di fronte, per trasformarla nell'unicità del "noi".

Meraviglioso.

Amanda Colombo - Galleria del Libro